mercoledì 25 novembre 2009

La Digos sputtana Il Giornale di Feltri: il volantino BR l'aveva scritto uno della redazione!

.
Leggete questa notizia:

Volantino Br al Giornale: Digos, scritto da collaboratore interno, denunciato
25 Novembre 2009 12:08
GENOVA - Il volantino firmato BR recapitato ad un giornalista del "Giornale" era stato scritto da lui stesso. Lo hanno accertato gli agenti della Digos di Genova che hanno denunciato l'uomo per simulazione di reato e procurato allarme. La lettera minatoria era stata rinvenuta la settimana scorsa sotto la porta d'ingresso della redazione genovese del quotidiano. L'uomo avrebbe confessato di aver agito per far uscire allo scoperto una vicenda di minacce da parte di malavitosi e di nomadi della periferia genovese della quale lo stesso giornalista e la sua famiglia sarebbero stati oggetto nelle scorse settimane. (RCD)
_ _ _ _ _

Ovviamente alla stupida scusa tirata fuori dal "giornalista" non crede nessuno. Annoveriamo quindi l'ennesima figuraccia che la testata gionalistica diretta da Littorio Feltri annovera nel suo palmarés. La creazione di un nemico che non c'è, di un allarme che non esiste, al solo scopo di mantenere alta la paura dei comunisti cattivi che se la prendono contro il giornale del Regime.

Ma che c'entrano i nomadi con le Brigate Rosse? Complimenti per l'accostamento, tipico dello "stile" di questo quotidiano!

La verità è venuta a galla. Mi chiedo: se fosse stato un giornalista di Repubblica, o dell'Unità, o del Fatto Quotidiano (non è nel loro stile, ma sforziamoci ad ipotizzare) a creare un caso del genere, sono sicuro che Feltri, accertata la truffa dalla Digos, avrebbe scritto un editoriale dei suoi, godendo come un riccio, e Belpietro (l'altro Squadrista della Penna al servizio di sua maestà) gli sarebbe corso in aiuto... invece sono sicuro che Littorio non dirà niente, e non rimarrà nascosto sotto la scrivania per la vergogna, come ogni persona civile farebbe.

RIDICOLI

.

Nessun commento:

Posta un commento