mercoledì 9 dicembre 2009

Alfano e la Magistratura: bacchettata pietosa

.
Angelino Jolie colpisce ancora. Si è presentato in una conferenza stampa a fianco del ministro dell'Interno Maroni, e dopo aver sciorinato le mirabili cifre dei successi dell'attuale Governo sulla Mafia, ha bacchettato i Magistrati con frasi imbarazzanti: "Lavorate di più e non andate in televisione" (suona anche come il "fannulloni" di Brunetta), "La mafia si può combattere senza andare in tv o a fare convegni", "Lavorando di più in Procura e senza le luci delle telecamere si arresta qualche latitante in più, quindi con qualche convegno in meno e qualche latitante in più si fa il bene del Paese".


Ora, le repliche sono facili facili. Anzitutto quelle citate anche in questo blog dall'ANM e dal Sindacato della Polizia, dalle quali si evince una realtà ben chiara: i successi sulla Mafia non sono di questo Governo, sono dei Magistrati e della Polizia stessa (oltre che dei Carabinieri), perchè sono loro, coi sempre più pochi mezzi messi a disposizione dall'esecutivo, loro che vivono fra minacce, pallottole e continui attacchi da questo stesso Governo (che si appropria sempre dei loro meriti per creare e mantenere il consenso da parte dei cittadini), sono loro a lavorare sodo e arrestare i mafiosi e i criminali in genere.

E poi, questo invito a non andare in TV parla chiaro: ci pensa il Governo a parlare ai massmedia, sì... e lo stesso Alfano in prima linea, e lo fa con le sue false cifre ("la legge sul processo breve bloccherà solo l'1% dei processi" - falsità sputtanata da tutti i Tribunali), le sue menzogne sul lavoro altrui ("i Magistrati lavorano tutti solo 4 ore al giorno" - quando invece essi, costretti dall'enorme lavoro che hanno, si portano i fascicoli anche a casa).

Quindi il concetto è chiaro: Alfano, che dovrebbe tutelare l'Ordine Giudiziario davanti a tutti, invece lo attacca denigrandolo, mortificandolo, e non gradisce (o meglio: il suo Capo, che lo ha nel libro paga, non gradisce) che i Magistrati (ma lo stesso si può dire per la Polizia, come sta accadendo questi giorni) vadano a raccontare come stanno realmente le cose!

Caro Alfano... tu non sei diverso dai vari Belpietro, Feltri, Ferrara, sempre pronti a dare una versione parziale e distorta delle cose... perché quello che importa a Voi che state sostenendo questo Regime, è che la gente sia educata in un certo modo, pensi in un certo modo. La verità delle cose non vi piace, perché non piace al vostro Capo.

Voi non avete coscienza, l'avete venduta a qualcuno che è peggio del diavolo.

Ma il popolo della Rete, che sta crescendo e si sta responsabilizzando sempre più, non vi crede, e il resto degli italiani si sta allineando e poco a poco allontanando da Voi, pupazzi, e dal vostro Proprietario.

.

Nessun commento:

Posta un commento