martedì 22 dicembre 2009

"Bambini, Babbo Natale non esiste": il parroco di Lomagna ruba l'innocenza ai bambini in Chiesa

.
Certa gente dovrebbe attaccare il cervello alla lingua prima di parlare. Forse questo losco individuo l'ha fatto, e ciò vuol dire che è un imbecille che ha agito con dolo, perchè non si può fare una così becera violenza a dei bambini dicendogli che il simbolo della festa per loro più importante non esiste.


Quest'uomo in abito talare si chiama Don Ambrogio e domenica scorsa, 13 dicembre, ha rubato l'innocenza a centinaia di bambini che erano in chiesa con i loro genitori, i quali di fronte alle giuste richieste di spiegazioni da parte dei figli si sono dovuti arrampicare sugli specchi per riparare alla sparata del parroco di Lomagna.

Il motivo della sortita, riportata dal Giornale di Merate, era per richiamare il "vero significato del Natale - ha poi spiegato il parroco cercando di salvare capra e cavoli - e ricordare ai parrocchiani che si celebra tale festività per la nascita di Gesù, mentre Babbo Natale non solo non fa parte della nostra tradizione, ma non ha nulla a che vedere con la Natività: si tratta di una pura operazione di marketing", ha detto il sacerdote.

Marketing o non marketing, "caro" Don Ambrogio, che cretinata hai detto: i bambini lo sanno che il Natale festeggia la nascita di Gesù, ma Babbo Natale è il simbolo dei regali che vengono dati ai bambini, ha il suo alone di magia e mistero per loro, e richiama i doni portati dai Re Magi al piccolo nella culla, così vuole la tradizione, cui i bambini credono.

Da parte della curia si è sottolineato che "le parole del parroco sono perfettamente coerenti con il messaggio della Chiesa". E lui ha pure avuto l'ardire di affermare: "Non mi va di commentare quanto ho detto perché non c’è nulla da spiegare. E’ una vicenda tra me e i miei parrocchiani, non è necessario che vada sugli organi di stampa", e te credo, le porcherie del clero vanno sempre tenute nascoste, vero?. Diversi parrocchiani hanno ribadito il disagio che la predica ha creato in tante famiglie, come anche alla Scuola Materna, dove tradizionalmente è proprio Babbo Natale a portare i doni ai bambini, ma il parroco tira dritto.

Si è sostituito ai genitori in un aspetto dell'educazione dei loro figli, in linea con questa esigenza che la Chiesa ha di lavorare sulle menti della gente, modellandole a loro piacimento.

Bel messaggio ha dato la Chiesa, per bocca di questo cretino! Complimenti...

E tanto per rimanere in tema di un bel Natale con la Chiesa Cattolica, leggete questa notizia:

Nel coro solo bimbi dell'asilo delle suore: il Comune si scusa
I canti in chiesa solo a chi frequenta l'asilo privato gestito dalle suore. Dopo le proteste dei genitori dei bambini esclusi, quelle iscritti alla materna comunale, e la sollevazione del web, la vicesindaco e direttrice del coro, Barbara Ruffoni, chiede scusa ai cittadini: "Non accadrà più".

CHE SCHIFO!

.

Nessun commento:

Posta un commento