martedì 8 dicembre 2009

Dopo il COISP, anche l'assistente capo della Polizia Antonello Marini alza la voce contro il Governo

.
Pesano come macigni il silenzio del Ministro dell'Interno e del Presidente del Consiglio, sempre pronti a salire sul carro dei vincitori, appropriandosi delle vittorie della Polizia e della Magistratura, ma mai disponibili a sostenerle davvero nell'attività operativa. Magistrati e Poliziotti si pagano da sè la benzina, la carte per le fotocopie, si aggiustano da sè i computer guasti, si pagano da sè tutte quelle spese di gestione delle loro attività: e questa è una vergogna! Poi il Governo parla di riforme necessarie, attuando non quelle realmente utili a questi addetti ai lavori, bensì quelle finalizzate soltanto a salvare Berlusconi dal carcere.

Dopo lo sputtanamento del Sindacato di Polizia pubblicato ieri e riportato anche in questo blog, oggi gira la lettera aperta scritta dall'assistente capo della polizia Antonello Marini. Leggetela con attenzione.
_ _ _ _ _

Il sottoscritto Ass. Capo della P. di S. MARINI ANTONELLO fa presente quanto segue: Domenica 29 novembre verso le 21:00 circa mi trovavo presso l'armeria del Reparto Scorte, notavo un giovane colega avente in mano un "papello" di moduli di carta riciclata, quando in nel momento fui colto da un irresistibile necessità di ispezionare quei fogli, come colto da un irresistibile richiamo chiesi al collega di mostrarmeli, quindi estrapolandone dal mazzo uno in particolare, con grande stupore e meraviglia condivisa dai colleghi presenti notai immediatamente che si trattava dell'ordine di servizio ORIGINALE del 23 maggio 1992, e più precisamente l'ordine di servizio della Quarto Savona 15 e 15 bis. Proprio lei, la Scorta del Giudice Falcone, l'ordine di servizio del giorno della strage, ed ebbi la sensazione che quel foglio mi avesse in qualche incomprensibile modo chiamato.
Faccio presente che di tale fatto, al termine di un breve interminabile emozionantissimo e commovente silenzio, è seguita una condivisa manifestazione di rabbia e grande risentimento, nell'esserci resi conto che un documento di inestimabile valore, quale prova inconfutabile per coloro che portano il ricordo sincero nel cuore, che il 23 maggio sia realmente esistito e che quegli equipaggi erano reali, L'ORDINE DI SERVIZIO PER IL QUALE SONO ANDATI A FARE IL LORO DOVERE PER L'ULTIMA VOLTA quei nostri colleghi.
Non siamo riusciti a comprendere come abbia potuto quel prezioso reperto finire nella carta riciclata, ECCO SCUSATE L'IGNORANZA, LA SCARSA INTELLIGENZA, SE VOGLIAMO LA NOSTRA STUPIDITA' MA NON RIUSCIAMO A COMPRENDERE come quel documento con quei nomi sia potuto diventare spazzatura e del perché invece innumerevoli colleghi abbiano immediatamente sentito la necessità, la volgia di fotocopiarlo, con la fotocopiatrice di reparto, con la carta di reparto, con quella carta tanto preziosa bianca che si deve risparmiare, e se qualcuno pensa che questo sia stato un abuso o un comportamento illegittimo perché noi, perché io cercassi di salvare la memoria del foglio, di quel foglio di quel maledetto giorno, faccio presente che in quel momento ero il più alto in grado e ho autorizzato tutto io, e che mi assumo tutta la responsabilità di legge e regolamento, ecce homo, ecco il petto, come io e i ragazzi delle Scorte siamo abituati a mostrare sempre quando usciamo di servizio con i CESSI DI AUTO che ci date per lavorare, mentre le personalità e soprattutto i politici hanno le auto blindate alla moda, VIP ultimo modello, sedili in pelle e tutti gli optionals, confort e soprattutto ben BLINDATE, tanto per loro sì, che non sono mai soldi sprecati.
Parole pesanti? Beh, non girerò la faccia facendo finta di non vedere e non capire, io sono delle SCORTE, e la paura io non la conosco più, me l'hanno rubata il 19 luglio del 1992.
Qualcuno pretende dai dipendenti pubblici un GIURAMENTO, ma prima di far giurare gli altri, che li mantenessero loro i giuramenti, come quello che ci avevano fatto per bocca del ministro dell'interno e del capo della Polizia, dopo le stragi, che a Palermo, mai più, mai più avremmo lavorato senza auto blindate. BUGIARDI, BUGIARDI! Quante brillanti carriere a tutti i livelli, più splendenti delle comete, quanti elogi, encomi, persino chi ha salvato il gatto della nonnina sul ramo dell'albero è stato encomiato. Agli uomini che salivano sulle Croma e alfettone blindate, quando c'era da sporcarsi le mutande e pochissimi volevano fare quello sporco lavoro, nessuno ha mai detto neppure grazie.
Perché andare avanti, davanti a tanta ingratitudine? Per il solito maledetto motivo di sempre: perché questo è il nostro "sporco" sacro lavoro, perché non saremo mai da meno ai nostri EROI e mai li disonoreremo.
Signor Questore, la prossima volta che qualcuno decide di premiare qualcuno, mi dia l'opportunità di farle presente anche qualche nome dei ragazzi delle Scorte, e giuro davanti a Dio che sono uomini che se lo meritano davvero per la devozione, il coraggio, lo spirito di sacrificio con il quale anche oggi continuano a proteggere nonostante mai come ora il livello di sicurezza per la pelliccia dei ragazzi delle Scorte sia stato così basso.
Si parla tanto di valori, di ideali, ecco: noi li abbiamo fatti nostri. Ma per condividere certe cose occorre avere, oltre alla voglia di far carriera e mettersi in evidenza, anche una capacità dell'anima che si chiama SENSIBILITA', quella che è mancata nel far insensibilmente circolare ciò di cui abbiamo illustrato e non accorgersi o non aver previsto che tra la carta straccia c'era qualcosa che per chi ha questa capacità, la SENSIBILITA', avrebbe quantomeno fatto girare qualcosa, nello scoprire che per quello che ha, come avevano già fatto i suoi compagni a maggio e a luglio del 1992.
Quel foglio mi ha chiamato, era l'originale ed ora è mio, perché l'ho raccolto dai rifiuti e non lo darò mai a nessuno che io non voglia.
Forse qualcuno, pensandoci meglio, si renderebbe conto che dovrebbe chiedere scusa, e quel qualcuno non sono io.

.

Nessun commento:

Posta un commento