giovedì 18 marzo 2010

La Mafia e i voti al PDL: parole e intercettazioni


Leggo oggi che a Tetris, su La7, Gasparri ha attaccato Marco Travaglio urlandogli: "Lei andava in vacanza con personaggi Condannati per Mafia ... Lei frequenta Mafiosi!".

Ormai da tanto tempo Marco Travaglio ha impostato una pagina del sito Voglioscendere sulla spiegazione di quelle tanto chiacchierate ferie, pagate da lui e non dai mafiosi, con le copie degli assegni da lui staccati, e con altri documenti che dimostrano l'assoluta estraneità ai fatti dei quali viene accusato; poi ha spiegato le questioni relative al candore della sua fedina penale, allegata al sito e scaricabile da chiunque. Del resto Travaglio ha vinto più di una causa per Diffamazione, con lauti risarcimenti dei danni per diffamazioni costruitegli addosso da "giornalisti" e politici. Hanno perso tutti: non hanno mai dimostrato la veridicità delle affermazioni diffamanti e sono stati tutti condannati. Facile intuire che anche Gasparri prenderà la consueta bastonata per questa vigliacca diffamazione, con ogni probabilità Travaglio presenterà una bella querela. Io lo farei. Anche se Gasparri un pochino fa pena, meschino...

Quello che dà fastidio è che gentaglia come Gasparri, Feltri, Belpietro eccetera, se anche viene condannata per aver diffamato Travaglio o chiunque altro, un risultato comunque lo raggiunge: nutrire l'odio dell'elettorato forzidiota verso i "nemici" del Kaiser Berlusconi. Questo interessa al Kaiser, e tutti sono pronti ad immolarsi all'altare della Diffamazione.

Quindi Gasparri parla di Travaglio e Mafia, e la cosa bella è che lo fa proprio oggi che sono venute fuori intercettazioni di boss mafiosi che dispongono nel 2006 l'appoggio dei voti della Mafia al PDL! Questo era già successo quando nacque Forza Italia, sono quasi 40 i collaboratori di Giustizia che l'hanno detto, con plurimi riscontri accertati dalla Magistratura, ma oggi abbiamo le voci stesse dei protagonisti, i capi mafiosi in prima persona!

Leggete questo articolo interessantissimo de l'Espresso, e preparate il fegato a un travaso di rabbia. Poi fatelo girare, magari qualche elettore del PDL cambia idea, e si rende conto a chi sta dando i voti: al Malaffare piduista e mafioso.


Il boss ordinò: "votate Silvio"di Lirio Abbate
Registrata dagli inquirenti una riunione degli uomini di Messina Denaro alla vigilia delle elezioni 2006: 'Se vincono i comunisti ce ne dobbiamo andare'

In una cittadina del trapanese gli uomini del boss stragista Matteo Messina Denaro si appartano in un angolo di un'autofficina e parlano delle direttive del capomafia, dei messaggi che ha fatto arrivare dalla sua latitanza e le indicazioni politiche da seguire. Le microspie registrano le conversazioni. Sono alla vigilia delle elezioni politiche dell'aprile 2006 e Cosa nostra manda in campo i suoi uomini nel trapanese per dar sostegno alle liste di Silvio Berlusconi. La conversazione tenuta segreta fino adesso dalla Procura di Palermo è chiara sulle posizioni politiche dei clan. I pretoriani di Matteo Messina Denaro commentano che sono "finiti i tempi dei comunisti", alludendo ai partiti della sinistra, e per questo motivo i mafiosi si organizzano per contribuire a far tornare il governo Berlusconi. Il centrosinistra guidato da Prodi vince le elezioni con uno scarto minimo di voti sul Cavaliere. Ma a Trapani il successo del centrodestra è netto per entrambe le Camere.

La conversazione dei mafiosi viene registrata la mattina del 6 marzo 2006 e i fedelissimi del capomafia accusato di omicidi e delle stragi del 1993 di Milano, Roma e Firenze, commentano negativamente il ritorno dei 'comunisti'. Sembra una riunione elettorale con i massimi esponenti di Cosa nostra che tifano per il Cavaliere. I favoreggiatori del latitante ripetono spesso che l'eventuale vittoria della sinistra li avrebbe "consumati". Le conversazioni vengono captate dalla polizia di Stato impegnata nelle indagini sulla latitanza dell'uomo che adesso è ritenuto al vertice di Cosa nostra. Le microspie sono piazzate nell'autofficina del fidato Leonardo Ippolito, arrestato lunedì scorso su ordine dei pm della Dda di Palermo. Sono a Castelvetrano, nel cuore del regno del latitante.

Con Ippolito è finito in manette anche Salvatore Messina Denaro, fratello di Matteo, il quale aveva costituito la base operativa dei favoreggiatori proprio nell'autofficina. Ippolito, dopo aver appreso le direttive politiche imposte da Matteo, commenta che "le leggi non sono più come una volta..." e aggiunge che "ora le cose sono cambiate..." e invita gli altri mafiosi a sostenere Berlusconi. L'uomo di cui si fida Messina Denaro insiste sul fatto che "se tornano i comunisti" i mafiosi "possono andar via da Castelvetrano. Anzi ce ne possiamo andare dall'Italia se salgono". E poi conclude: "Prodi, questo babbu! ci consuma a tutti...".

Tra i grandi capi di Cosa nostra, Matteo Messina Denaro è rimasto uno dei pochi uomini d'onore con alle spalle una tradizione familiare mafiosa che lo ha portato ad essere un leader nell'organizzazione criminale. Anche per questo motivo i mafiosi lo evocano o cercano un contatto anche solo indiretto. E il fatto che la sua latitanza si allunghi di anno in anno, porta nell'ambiente mafioso ad alimentare il culto e la fama di imprendibile. A differenza di altri capimafia, Messina Denaro si preoccupa dei propri uomini ai quali fornisce ogni cosa - anche somme di denaro consistenti - per farli star bene. Il suo grosso giro d'affari illegale è talmente vasto che gli investigatori fanno fatica a ricostruire tutti i passaggi economici sui quali hanno già messo le mani. Compreso il giro di politici collusi. Ma alla base di quello che fa questo boss c'è sempre il rispetto delle regole che la mafia si è autoimposta nel passato.

E proprio su questo punto i favoreggiatori sono entrati in fibrillazione quando hanno scoperto che il fratello di Matteo aveva una relazione extraconiugale con una ragazza di 29 anni. La stessa che era stata fidanzata con l'imprenditore Salvatore Grigoli, già arrestato perché prestanome del boss. Le microspie registrano le reazioni dei mafiosi, i quali commentano pure l'irruzione che la cognata del padrino ha fatto nella villetta in cui il marito incontrava la ragazza, sorprendendo la coppia. Chissà come l'avrà presa Matteo questa violazione delle regole.

Nessun commento:

Posta un commento