martedì 13 aprile 2010

Ecco come si vincono le elezioni / PAZZESCO

.
Non aggiungo commenti. Anzi sì, uno: MALEDETTI...


Così truccavano il voto
di Emiliano Fittipaldi e Valentina Petrini
L'audio delle telefonate in cui un imprenditore latitante vicino al clan Piromalli in Venezuela racconta di aver fatto bruciare migliaia di schede per le politiche del 2008. Il ruolo di Marcello Dell'Utri e il misterioso «materiale spedito ad Arcore»

AUDIO 1 Aldo Miccichè e Filippo Fani, collaboratore di Barbara Contini
AUDIO 2 Aldo Miccichè e Gioacchino Arcidiaco, affiliato al clan Piromalli

Nove aprile 2008, quattro giorni prima delle elezioni politiche che riporteranno Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi. Gli investigatori della procura di Reggio Calabria stanno intercettando da mesi Aldo Miccichè, imprenditore condannato a 25 anni di carcere per vari reati e ritenuto dagli inquirenti uomo vicino al clan Piromalli.

Miccichè, ex politico democristiano della piana di Gioia Tauro e formalmente latitante, parla da Caracas dove sostiene di occuparsi delle elezioni. In particolare, del voto degli italiani all'estero. Dall'altra parte del filo c'è Filippo Tani, stretto collaboratore di Barbara Contini, responsabile degli italiani all'estero per lo schieramento berlusconiano ed ex funzionario dell'amministrazione Usa in Iraq. Barbara Contini adesso è senatore del Pdl.
Nell'intercettazione - che L'espresso è in grado di farvi sentire in esclusiva - Miccichè spiega i metodi che avrebbe usato per far vincere il candidato senatore del Pdl: bruciare le schede elettorali, a pacchi, con la benzina. Quelle, almeno «che sicuramente non sarebbero state nostre». I rapporti tra Miccichè ed esponenti di spicco di Forza Italia sono di vecchia data: dalle carte dell'ultima inchiesta sulle infiltrazioni mafiose nel porto di Gioia Tauro risultano i contatti tra Micciché e Marcello Dell'Utri, fedelissimo di Berlusconi e imputato per concorso esterno in associazione mafiosa a Palermo. Sarebbe stato proprio Dell'Utri, secondo la ricostruzione degli inquirenti, a mettere in contatto Miccichè con lo staff della Contini. Miccichè al telefono parla di soldi che deve avere ( «devo darli ai calabresi, sennò sono fottuto. Pure con i siciliani e i campani»), racconta di aver mandato materiale «ad Arcore», e chiosa di «operazione Campania», «operazione Veneto» e quella «calabrese». «Devo dirti» dichiara all'uomo della Contini «che Marcello lo ha toccato con mano».
ASCOLTA L'AUDIO: ALDO MICCICHE'-FILIPPO FANI

Le telefonate di Aldo Miccichè da tempo sono al centro di indagini della magistratura. Soprattutto perché Miccichè ha contatti con diversi esponenti poltici. Già nel 2008 fu divulgato il testo di una intercettazione diretta tra Dell'Utri e Miccichè in cui si discuteva di come pilotare il voto degli italiani all'estero. All'epoca Dell'Utri ammise di aver avuto contatti con l'imprenditore, che si sarebbe offerto di aiutare il centrodestra nelle elezioni.

In un'altra intercettazione del dicembre 2007 che L'espresso pubblica in esclusiva, Miccichè sembra organizzare un incontro tra Dell'Utri e Gioacchino Arcidiaco, affiliato al clan Piromalli condannato l'anno scorso a 6 anni e 8 mesi. Aldo Miccichè, prima dell'appuntamento, chiama Arcidiaco per suggerirgli come comportarsi e cosa chiedere a Dell'Ultri. «Fagli capire che la Piana (di Gioia Tauro, ndr) è cosa nostra, che il porto l'abbiamo fatto noi, fagli capire che in Aspromonte e tutto quello che succede là sopra è successo tramite noi...Fagli capire che in Calabria o si muove sulla Tirrenica o sulla Jonica, o si muove al centro, ha bisogno di noi. E quando dico noi, intendo Gioacchino e Antonio (Piromalli, ndr). Mi sono spiegato?».
ASCOLTA L'AUDIO: ALDO MICCICHE'- GIOACCHINO ARCIDIACO

.

Nessun commento:

Posta un commento