sabato 17 luglio 2010

Razzismo e classismo, Chiesa e istituzioni

.

La grande sfortuna di essere italiani, o forse è meglio dire "una" delle grandi sfortune di essere italiani, è che il pensiero razzista e classista della Chiesa Cattolica è alla base di fin troppa legislazione e attività amministrativa.

Le crociate contro i gay della Chiesa hanno alimentato l'odio di quanti, deboli d'intelletto e miseri di cuore, sparano a zero contro questa diversità che diversità non è. E giù pestaggi continui nelle strade, dsicriminazioni dappertutto. Oggi leggo che la politica anti-gay di molti ospedali milanesi è arrivata a produrre il rifiuto del sangue donato da uomini che dichiarano di aver avuto rapporti sessuali con altri uomini. Paola Concia, unico componente del parlamento dichiaratamente omosessuale, ha preannunciato un’interrogazione alla Camera. Un centralinista dell'ospedale Gaetano Pini a un donatore gay ha detto: “Qui sono fondamentalisti. Andate al San Paolo, là il vostro sangue andrà bene”.

E poi ancora l'odio della Chiesa contro quello che loro chiamano il "concubinato", e cioè l'amore di una coppia che decide di vivere assieme senza andare in Chiesa a celebreare matrimoni cari come il fuoco che arricchiscono le tasche del Clero. Oggi abbiamo notizia di due nuovi provvedimenti adottati dalla giunta di centrodestra che amministra il comune di Roma, guidata da Gianni Alemanno (PDL), che si caratterizzano per una politica di attenzione nei confronti della Chiesa Cattolica. Alemanno ha disposto l’introduzione di un’imposta di cento euro per tutti coloro che intendono sposarsi civilmente. Ma non saremo liberi noi cittadini di decidere con la testa nostra se e come sposarci? Ma che schifo!

Un altro provvedimento di Alemanno (che col "concubinato" non ha nulla a che fare), rappresenta comunque un illegittimo aiuto agli interessi eocnomici della Chiesa: l’applicazione di uno sconto del 50% sulla tariffa applicata dai taxi a coloro che accompagnano bambini all’ospedale Bambino Gesù, di proprietà vaticana, dall’agevolazione sono esclusi tutti gli altri nosocomi. Un'altra schifezza immonda.

E' veramente una vergogna che i rappresentanti del popolo operino questo tipo di scelte, ma siamo in Italia... da noi l'eguaglianza non esiste se non nella Costituzione... perché dove parla la Chiesa c'è sempre qualche ipocrita nelle istituzioni che è pronto a correre in aiuto di questa multinazionale: cosa non si fa per qualche appoggio e voto in più!

.

Nessun commento:

Posta un commento