mercoledì 3 novembre 2010

Prostitute, droga, festini, Berlusconi, Carfagna e Carabinieri. E il paese?

.
Noi italiani siamo davvero strani, siamo dei gaudenti ignoranti e dei puritani da strapazzo. Il capo del governo Silvio Berlusconi ha rovinato la nostra società anzitutto con le sue televisioni, e da tempo: il culto dell'immagine, dell'involucro, è penetrato nelle nostre menti a partire da quei vecchi programmi come Drive In, dove ragazzette come Tinì Cansino mostravano le bocce alla nazione. Quando si guarda all'involucro, all'esteriorità, si perde la parte più importante: il cervello e il cuore. Aver saputo parlare allo stomaco della gente fra l'altro mentendo spudoratamente su tutto è stata l'arma che ha consentito a Berlusconi di costruire i consensi alla sua persona, come imprenditore e come politico, e di mantenerli grazie al lavoro certosino di persone come Fede, Minzolini o Belpietro.


La rovina della nostra società è poi avanzata oltremodo quando il libertino di Arcore è "sceso in campo", ufficialmente per salvare il paese "dalle sinistre", ufficiosamente e realmente per adottare una serie di leggi salva-azienda necessarie perché l'amico e protettore Bettino Craxi era stato messo con le spalle al muro dalla Giustizia e se ne era scappato all'estero da Latitante (e non esule, come la figlia continua a dire in giro). Queste leggi ad personam sono poi sconfinate anche nella materia penalistica, dato che ogni santo giorno sono venuti fuori atteggiamenti e condotte non certo lecite da parte del delinquente capo: corruzioni (provate a più riprese dalla Magistratura), falsi in bilancio (subito depenalizzati), frodi al fisco (coperte da scudi ad hoc), false testimonianze in udienze (condanne cancellate da indultini ad personam) e tanto altro... sapete bene quante ne ha combinato: la lista è chilometrica.

La politica di Berlusconi è sempre consistita in questo: prima mi curo gli affari personali, poi ce n'è anche per voi (cortigiani e componenti della cricca, delinquenti camorristi, mafiosi, piduisti e massoni, Chiesa Cattolica, grandi imprese), della gente comune non me ne frega niente. E così l'economia nazionale è crollata ai minimi storici ogni volta che il biscione ha messo le sue radici a Palazzo Chigi. Da varie riviste sono stati pubblicati i dati del PIL e del tasso di disoccupazione quando Berlusconi è salito al governo, ed è stato illuminante vedere quello che la Propaganda non dice. Per un ripasso leggete QUI.

Questo preambolo serve a dire una cosa: non sono gli scandali sessuali e il narcotraffico che ha fornito le droghe per i festini a doverci convincere che Berlusconi è inadatto a guidare il paese! L'opposizione in larga parte sta commettendo l'errore di cercare la scusa per condannare Berlusconi basandosi su queste storielle di prostitute (oggi si chiamano Escort), droga, festini. Ma la realtà è che Berlusconi per come ha rovinato il paese, eticamente ed economicamente, già solo per questo appariva inadatto a governare.

Il problema è che la macchina del consenso (i suoi TG, 5, e la stampa "amica" e controllata) però va sempre avanti, e allora ai leader dell'opposizione non resta che attaccarsi a queste sconcezze (sempre e comunque esecrabili, sia chiaro) per togliere voti al capo liberticida e libertino.

Berlusconi ha detto che "ognuno a casa sua fa quello che vuole", e in linea di massima questo è vero. Ma c'è un limite più alto alla distruzione della moralità in chi ricopre una carica pubblica rispetto al comune cittadino, e questo Berlusconi è sempre stato bravo a nasconderlo. L'arma del buttare tutto sulla risata è straordinaria, perché la grave notizia di oggi viene mesa sul ridere domani, e la gente, inebetita dalle TV che appiattiscono il cervello e la capacità critica, si fa una risata e dimentica tutto.

Ma dove sono finiti i moralisti del centro destra come Capezzone, Bonaiuti, Bondi, o anche lo stesso Ghedini, che diedero addosso a Marrazzo perché andava a trans, ora che viene fuori l'ennesimo scandalo dei festini berlusconiani con prostitute pagate profumatamente (Brunetta è più avaro, si legge) e droga che proviene dal narcotraffico? Sono alla ricerca di giustificazioni, perché loro fanno la morale agli altri e coprono le nefandezze del capo: la ricerca della pagliuzza.

Dov'è finita la Chiesa Cattolica, dove i suoi alti prelati? Il loro silenzio assorda come il fragore di un terremoto: a loro Berlusconi serve lì, e pazienza se fa sesso con minorenni o prostitute, facendo uso di droghe (così esse raccontano). Perchè Ratzinger o chi per lui non dice niente su ciò? Che ipocrisia! Si sono autoattribuiti il potere di fare la morale a tutti e poi usano due pesi e due misure.

E i "giornalisti" al soldo del biscione? Distruggono con notizie alterate o finte gli avversari politici del premier, e poi stanno zitti davanti all'evidenza dei fatti riguardanti il loro capo? Adorazione e soldi: il loro pane quotidiano.


La cosa che fa più ridere chi ha almeno un grammo di cervello è l'atteggiamento di una ex pin-up, della quale si è raccontato di tutto (storie alla Monica Lewinsky, per intenderci) nella corsa ai posti che contano: Mara Carfagna, che è solo una delle tante. La ministra che fino a ieri parlava sguaiatamente in televisione e appariva nuda sulla stampa e calendari, ed è entrata in politica perché nelle grazie del libertino in capo, oggi "prende le distanze" da queste porcate del premier! Una barzelletta che più barzelletta non si può! Ma il senso della decenza che fine ha fatto, "ministra"?

E nel mentre che il capo del governo alimenta l'omofobia e il razzismo (ben inculcati dalla Chiesa Cattolica nella società), facendo battutacce sugli omosessuali, l'Italia si spacca ancora di più in due, e sempre più gente apre gli occhi sullo sfacelo morale di questa persona, che si sente Dio, e può dire e fare quello che vuole, tanto se si arriva a commettere reati c'è subito la faccia simpaticissima di Ghedini a dire "non è vero" e qualche forma di scudo anticostituzionale. Mi viene in mente la campagna elettorale diffamatoria fatta alle scorse elezioni regionali in Sardegna, quando Berlusconi usava i voli di Stato per salire sui palchi delle nostre piazze a diffamare e ingiuriare Renato Soru, candidato del centro-sinistra. Soru presentò montagne di querele, ma gli veniva detto: "non si può procedere, c'è lo scudo", e quelle querele sono sepolte da chili di carta, ammuffendo nei cassetti degli uffici della Procura della Repubblica.

Siamo al Re Sole. Può fare quello che vuole: il codice penale per lui non vale, non lo si può applicare. Condannato Mills e quindi accertata corruzione e scoperto il corrotto, c'è solo il corruttore da sbattere in galera, e la Magistratura ha già detto chi è... Berlusconi. Il processo Mediatrade? Fermo! Le indagini sulle stragi di Mafia? Vanno alla moviola da quando sono venuti fuori i nomi "illustri" di Dell'Utri (condannato anche nel secondo grado di merito al carcere, ma ancora a piede libero) e Berlusconi.


Ruby Rubacuori: l'ennesima ragazzina che ha fatto girare la testa al premier, doveva essere messa in un centro di accoglienza, e Berlusconi ha telefonato ai Carabinieri per farla andare con un'altra delle sue presunte "squillo". Ora quei Carabinieri sono indagati per Abbandono di Minore e Berlusconi, che ha abusato dei suoi poteri, è ben protetto: li passino gli altri, i guai, lui è a posto.

I Carabinieri però si sono rotti le p...e, e notizia di oggi è che in tanti si sono lamentati di essere chiamati a fare da scorta alle prostitute che vanno a casa del premier. Parole come queste: "Ci fanno fare i tassisti per i festini, quando i nostri colleghi sono morti per difendere magistrati e politici" gettano il marchio definitivo sullo schifo che galleggia dentro al premier.


Gli stessi Carabinieri che si sono sfogati hanno poi aggiunto: "Le feste ad Arcore si tengono nei giorni del fine settimana, dal venerdì al lunedì. Molte sono proprio di lunedì. Nell’estate si moltiplicano. Noi accompagniamo le personalità fino alla villa e poi aspettiamo fuori. Vediamo un giro di ragazze pazzesco. Arrivano con vari mezzi. Moltissimi Ncc, le auto a noleggio con conducente. Alcuni pulmini, di quelli da 10-15 posti. Una volta abbiamo visto alcune ragazze scendere da due fuoristrada di quelli massicci. Alcune ragazze le porta direttamente Emilio Fede nella sua auto, altre scendono dalla macchina di Lele Mora con targa del Canton Ticino. La scorsa estate ad Arcore c’era un gran via vai. Ruby? No, non me la ricordo, ma sa, sono tante, tutte uguali, tutte giovani… Abbiamo riconosciuto una giornalista. E Flo, quella che ha partecipato alla ‘Pupa e il secchione’. Poi una bionda che era stata al Grande Fratello… Molte si capisce che sono straniere, tante hanno la cadenza napoletana. Poi alcune escono a fine festa, altre si fermano lì per la notte, ma è difficile tenere la contabilità, c’è un tale via vai…. Qualche volta è venuto a salutarci, a raccontaci qualche barzelletta. Una volta ci ha fatto, ammiccando, una battuta: ‘Eh, beati voi che adesso andate a casa a dormire, a me invece tocca trombare’. Un’altra volta ci ha portato qualche ragazza e ce l’ha presentata. Una notte ci ha mandato una ragazza che ci ha fatto la danza del ventre…".

Per i gusti del premier quindi la Forza Pubblica è un'insieme di pupazzi messo a fare da taxi e protezione alle prostitute che riempiono seminude le stanze della sua casa.

Mai, ripeto, MAI l'Italia aveva conosciuto una crisi economica così forte, mai il tasso di disoccupazione era stato così alto (in certe zone del Sud è al 50%), mai una maggioranza parlamentare era stata più inattiva: l'Espresso di questa settimana riporta i dati dal sito Openparlamento: la percentuale di successo per i progetti di legge parlamentari è pari allo 0,56%. Quando si muove il Governo la percentuale è del 32,91%, e la maggior parte delle volte Berlusconi mette la Fiducia per far passare le leggi, leggi che quasi sempre riguardano i suoi affari o la salvezza delle sue chiappe. Mai un capo del governo era stato di così bassa statura politica e morale.

Della serie: voi andate alla malora, senza lavoro, io mi diverto in festini droga-sesso, e zitti o siete comunisti.

Voglio una RIVOLUZIONE.

.

Nessun commento:

Posta un commento