mercoledì 20 aprile 2011

Adepti del Colpo di Stato crescono

.
L'attacco più bieco alla Costituzione fatto in questi tempi bui per la nostra patria Italia passa per l'iniziativa di un deputato PDL, tale sig. Remigio Ceroni. La cosa è pazzesca, perché voler spostare in una Repubblica e in una democrazia la titolarità del potere dal popolo a un'assemblea elettiva è un fatto gravissimo.

Il Parlamento è stato concepito dai padri costituenti come estensione del potere del popolo. L'Italia è una repubblica democratica ed è fondata sul lavoro, la sovranità è del popolo. Oggi funziona ancora così, più o meno. Il popolo va a votare i propri rappresentanti e costoro siedono in Parlamento per approvare leggi che migliorino la qualità della vita del popolo stesso.


A livello sostanziale, e soprattutto grazie alla legge "porcellum", per cui come sappiamo gli eletti sono decisi dai partiti, il cittadino che vota mette la croce sul partito e poi dal primo della lista in giù a proporzione dei voti vengono fuori coloro che siederanno nelle tanto ambite e ben pagate poltrone di potere. Questo è il sistema che ha permesso a Nicole Minetti, una modella che ha lavorato in televisione e ha lavorato anche ai Bunga Bunga parties di Arcore, di venire eletta al consiglio regionale della Lombardia.

Col "porcellum" il cittadino, e quindi il popolo, è stato defraudato di un dei diritti fondamentali, e cioé il Voto: lo scegliere il proprio rappresentante. Già questo era grave.

Il progetto di riforma dell'art. 1 Cost. ora vuole attuare a livello formale quello che già abbiamo a livello sostanziale: centralizzare i partiti (e chi li comanda) al posto del popolo. Non è un centralizzare il Parlamento, attenzione, anche se così c'è scritto! Infatti siccome sono i partiti a decidere i candidati o meglio gli eletti, essi stessi hanno il potere. E se ci aggiungiamo che in questa legislatura il Parlamento così eletto col "porcellum" è totalmente asservito ai capricci dell'Esecutivo, cioé il Governo, cioé Berlusconi, il passo è breve. Il passo verso la Monarchia Assoluta e il Re legibus solutus.

In un'epoca in cui la gente scappa dai partiti, aumenta l'astensionismo alle elezioni, la politica che fa? si allontana ancora di più dal popolo, mostrando di avere a cuore solo i propri interessi di Casta.

Il nuovo art. 1 secondo questo deputato allora reciterebbe così: "L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro e sulla centralità del Parlamento". Ceroni biascica una giustificazione: "Spesso ci troviamo così: dopo aver approvato una legge, con il presidente della Repubblica che non la controfirma. Dobbiamo ripristinare gerarchia ed equilibrio dei poteri, in assenza del quale, si deve riportare l’ordine".

Questa è una bestemmia totale! Questo losco deputato sa benissimo che la figura del presidente della Republica è la figura che è stata concepita dai costituenti allo scopo di mantenere un corretto equilibrio nell'esercizio dei tre poteri, legislativo, esecutivo e giudiziario. Per Ceroni la promulgazione da parte del presidente della Repubblica, con la possibilità di un rinvio alle Camere, è un intoppo all'esercizio del potere! Allucinante! Ceroni poi parla di "gerarchia" da "ripristinare". Ripristinare cosa? Quale gerarchia? Le gerarchie sono in tutte le forme di governo autoritarie e che non sono democratiche, perché là non è il popolo ad aver la titolarità del potere, ma un dittatore, un monarca, quale sostanzialmente oggi cerca di essere Berlusconi, a volte riuscendoci, a volte no. Da qui il Colpo di Stato che strisciando va avanti con la connivenza del PDL, della Lega, dei "responsabili".

E' incredibile quanto stia cadendo in basso la politica oggi in Italia. Come cittadini della Repubblica possiamo accettare che una persona come Ceroni voglia distruggere la nostra Cosituzione? Possiamo noi accettare che un Berlusconi e un Lassini distruggano l'onorabilità della Magistratura? Possiamo accettare che un Parlamento lavori secondo i capricci di uno solo e non legiferi per il bene dell'economia nazionale e per risolvere i problemi dei disoccupati? Possiamo accettare noi cittadini della società civile che un Guardasigilli lavori contro i propri doveri istituzionali, e invece di difendere i Magistrati li umili quotidianamente solo perché così desidera il suo padrone?

.

Nessun commento:

Posta un commento