mercoledì 8 giugno 2011

Annozero: altro che divorzio consensuale! Negata la conferenza stampa a Santoro!

.
Riflessione ad ampio raggio su cosa siamo diventati, occasionata dall'ennesima porcheria.

Altro che divorzio consensuale, ci stavano infinocchiando con questa storiella! Santoro è stato cacciato, la neo presidentissima Lei ha portato a termine senza remore e coscienza l'operazione più anti-servizio pubblico possibile. La trasmissione col più alto share della televisione non esiste più, domani avremo l'ultima puntata e se Santoro non approderà a LA7, ciao a tutti. La RAI per ordine del Delinquente di Stato caccia una grande fonte di introiti: senza Annozero decine e decine di aziende non investiranno più in pubblicità nella RAI, perché con poca audience non gli conviene. E' un non-sense, una negazione dei principi economici di base per un'azienda, eppure la RAI accetta di castrarsi per soddisfare un capriccio, anzi: un editto bulgaro pronunciato da Sua Emittenza.

Su ordine diretto del Satrapo altre teste cadranno, cosicché la RAI diventerà in tutto e per tutto uguale a Mediaset, anzi peggio. Tramsissioni piene di ragazzette in perfetto stile escort, ballerini che bisticciano in un italiano pessimo, finte storie d'amore e di amicizia inventate per la lacrimuccia del telespettatore, che accende la TV e guarda le pubblicità che insozzano le trasmissioni.

Ma quanti guarderanno questa merda? Gli stessi che la guardano in Mediaset! Senza pubblico gli sponsor scapperanno e la RAI chiuderà, con tutti i vantaggi che ne derivano per Berlusconi, economicamente e politicamente parlando. Il "popolo delle libertà" uccide quindi la Libertà di Informazione in nome di un inesistente complotto. Il vero complotto è quello di Berlusconi, la Lei e tutti quanti sono al servizio del Regime: schiavi corrotti nell'animo e arricchiti nel portafoglio. La presidente Lei in una settimana ha ottenuto quello che Masi non è riuscito in quasi tre anni. Un successone. Ha giustificato benissimo la ricca poltrona su cui posa le sue terga.

L'attuazione del "piano di rinascita (anti)democratica" di Licio Gelli è dietro l'angolo, e ce lo stanno facendo davanti agli occhi. Mi sono rotto le scatole di sentir dire che ogni cosa detta contro quel DELINQUENTE Berlusconi è antidemocratica, antiliberale eccetera. Il CANCRO della Democrazia e della Libertà è Berlusconi!!!

Berlusconi non vuole che venga fatto Giornalismo, non vuole che venga fatta Informazione, vuole che la gente abbia tonnellate di prosciutto negli occhi. Eccola la spallata decisiva all'Italia che attendevamo dopo i ceffoni delle recenti amministrative: l'uccisione totale del dissenso in televisione, il mezzo di informazione più usato, ora manca solo la Rete e tutto è a posto. Più la gente apre gli occhi più forti sono le spallate ai massmedia. E mentre il nord Africa si ribella, la Spagna alza la testa e protesta, l'Italia viene ancora di più inebetita da un'accozzaglia di delinquenti che stanno uccidendo il libero pensiero, la morale, il buonsenso, la Cultura... essi appiccano incendi e vi gettano sopra benzina. Tutto il mondo ci deride perché siamo patetici, e fa bene, benissimo. Siamo un popolo senza palle, disinteressato, e in fondo in fondo disperato.

Berlusconi sta distruggendo tutto. Egli ha distrutto la fucina della Cultura (Scuola e Università), mandando in disoccupazione centinaia di migliaia di lavoratori. Egli ha distrutto l'Economia, perché per essa non ha fatto niente, curandosi solo delle sue imprese. Berlusconi sta uccidendo la Giustizia, vincolata a ceppi incostituzionali perché altrimenti lo manda in galera. Sta rovinando l'Ordinamento Giuridico legiferando normative in totale antinomia con lo stesso. La Società è divisa in due in nome di un becero "o noi o loro", dove il loro significa "comunisti".

Berlusconi è un mostro: compie le peggior nefandezze contro il suo paese e accusa delle stesse i suoi avversari politici, facendo immediatamente la vittima. E i suoi cortigiani, feccia della società, che mai avrebbero cariche politiche in un paese normale, gli reggono il gioco perché è l'unico modo per succhiare le ricche tette del potere. I servetti delle sue testate giornalistiche poi reggono in piedi la baracca a suon di diffamazioni e ingiurie (adesso anche gli abiti di Pisapia sono alla berlina, quando invece basta guardare Formigoni per vomitare a più non posso).

Siamo un paese di merda, è inutile negarlo: troppa gentaglia crede a questo Delinquente e gli dà il suo voto, avallando ogni porcheria che commette, anche quando sono reati. E sorella Chiesa sostiene questa indecenza, perché preferisce barattare lo sfacelo economico e sociale della nazione che la ospita pur di mantenere i suoi antiquati privilegi, con ciò tradendo completamente l'insegnamento di Cristo. Essa come la Casta vivono nell'opulenza, sempre più lontane dalla realtà, una realtà che hanno interesse a manipolare ed alterare. E tanta, troppa gente crede a questa montagna di falsità.

.

Nessun commento:

Posta un commento