venerdì 24 giugno 2011

Bavaglio e Conflitti di Interessi. Riflessioni ad ampio respiro

.
Ci risiamo, ne ero sicuro. Riparte la crociata contro la Libera Informazione. A dimostrazione del fatto che noi cittadini per questo Governo non contiamo niente, come questi ultimi anni hanno ben dimostrato (nessuna misura per sostenere l'economia, che è colata a picco; tagli nei fondi a Scuola e Università, coi disoccupati che ne derivano; leggi ad personam per Silvio Berlusconi - per fare alcuni esempi), gli sgherri di Sua Emittenza riportano in auge il Bavaglio, nella duplice corsia del blocco alle intercettazioni (che hanno consegnato alla Giustizia tantissimi delinquenti) e del blocco alle pubblicazioni nei giornali e in televisione. Noi cittadini non dobbiamo sapere se e come e quando il politico di turno delinque, e i magistrati con la forza pubblica non possono usare il più importante strumento di acquisizione di prove.

L'Italia va alla rovescia, e dobbiamo ringraziare Berlusconi e i suoi scagnozzi per questo scempio indecoroso. In questi giorni sono stati i vari Frattini, Alfano e Paniz più di tutti a definire il ritorno di una normativa che solo un anno fa ha portato la gente nelle piazze, e ha visto il Parlamento diventare un campo di battaglia. Ricordiamo che il ddl Intercettazioni venne approvato al Senato proprio un anno fa a giugno 2010, ma si arenò alla Camera. Ed è stato proprio D'Alema (il padrone del PD) a lanciare per l'ennesima volta l'ancora di salvezza al Governo in questi giorni dicendo: "Leggiamo una valanga di intercettazioni che nulla hanno a che vedere con vicende penali e sgradevolmente riferiscono vicende private delle persone", girando la frittata dal lato caro al PDL. Infatti le pubblicazioni riguardanti i politici del PDL hanno evidenziato una fitta trama di accordi e pugnalate alle spalle ben orchestrate da Bisignani, e tutti sono stati svergognati davanti all'opinione pubblica.

Capito? L'indignazione dei politici del PDL sulle intercettazioni pubblicate in questi giorni sta tutta nel fatto che da esse sono stati sputtanati, quando invece la vera indignazione dovrebbe essere quella generale nel scoprire questi maneggi e queste condotte! Rivoltata la frittata per infinocchiare l'opinione pubblica, si passa all'attacco, e il Parlamento - fermo da eoni - viene rimesso in moto per l'autoprotezione della Cricca, mica per il bene comune di noi cittadini, che paghiamo con le tasse lo stipendio a questi scaltri parlamentari e governanti.

A sentire Paniz e Alfano non si passerà per un Decreto Legge - Fini stesso ha detto che non ci sono i requisiti di "necessità e urgenza" previsti dalla Costituzione, cosa sacrosanta - ma per legge ordinaria. Perché? Il motivo è chiaro: ancora nessuno della Lega per il momento è coinvolto nelle intercettazioni nella vicenda Bisignani, pertanto la fiducia potrebbe venir meno se i leghisti si girassero dall'altra parte... il che tradotto significa: siccome la Lega non ha un vero interesse a bloccare le intercettazioni perché non direttamente coinvolta per interessi di Casta, essa poi chiederebbe in cambio del suo appoggio chissà che cosa.

Ecco dove sta la questione: Alfano e Paniz devono fare bene gli interessi del Padrone (li ha fatti eleggere col Porcellum, prendono lo stipendio d'oro della Politica - che paghiamo però noi, che beffa - quindi devono giustificarlo con attenzione), imponendo a colpi di maggioranza il Bavaglio ma senza chiedere troppo alla Lega, se no questa in cambio chiederà, anzi: pretenderà chissà che cosa. Sembra che Alfano e Paniz stiano trattando per un ostaggio: quale è nella realtà Berlusconi con la Lega... Da una parte Silvio che si vuole salvare le chiappe (e la Cricca con lui), dall'altra la Lega la quale baratta la salvezza del Padrone con lo sfascio delle Istituzioni, che a lei interessa! Bell'accozzaglia di delinquenti interessati che è il Centro-Destra, eh?

Ecco a cosa serve la politica oggi. Scordatevi ch'essa sia ancora un servizio. Essa deve fare gli interessi di chi viene eletto. Il Conflitto di Interessi non è solo di Berlusconi, ma è di tutti quelli che gli ruotano attorno, che danno e chiedono per meri interessi personali.

A proposito di Conflitto di Interessi, di cui oggi non si sente più parlare perché non interessa più a nessuno farlo: dopo le fughe e le epurazioni di giornalisti al TG1, dopo la cacciata di Santoro, ora vanno via anche Fazio e Saviano. I mezzi uomini al servizio del Padrone in RAI lavorano bene: disinformare la gente coi TG (Minzolini su tutti), far calare l'audience, far scappare gli sponsor, eliminare chi non è allineato e fa Informazione. Andranno tutti a LA7? Forse... ma il problema è che un giorno Berlusconi si potrebbe comprare anche quella: potrebbe trovare qualcuno da corrompere o far corrompere (godendone come utilizzatore finale) per un acquisto illecito in puro stile vicenda Mondadori.

Io allora chiedo ai politici del Centro Sinistra: perché non vi mettete a battere duro sul Conflitto di Interessi? Perché non create un programma vicino ai desideri della gente? Non vi ha insegnato niente la vicenda dei Referenda? Perché non esprimete un leader attraverso oneste elezioni primarie, tutto per costruire qualcosa di valido? Vi piace di più stare all'opposizione perenne?

Antonio Di Pietro sta indicando la strada da percorrere: eleggere un vero leader e costruire un vero programma. E infatti Berlusconi - che l'ha capito benissimo - gli ha teso subito la trappola, con quella finta chiacchierata ben videoripresa e fatta girare che sta creando attriti fra l'IDV e gli altri partiti all'opposizione. Il PD fa ridere: sui quesiti referendari aveva deriso Di Pietro, poi quando ha capito che la cosa funzionava è salito sul carro. E ora che Di Pietro indica la strada giusta, il PD si distacca, trattandolo con la stessa diffidenza con cui tratta Vendola. La verità è che nessuno nel PD ha il carisma che hanno un Di Pietro o un Vendola, ecco da dove nasce tutto. Il PD si autosostiene, e finché avrà più voti di IDV o SEL continuerà così. Ma se il vento cambiasse...?

Allora dico al PD: aprite gli occhi, e mostrate palle, leader e programmi, se ne avete la capacità!

.

Nessun commento:

Posta un commento