venerdì 17 giugno 2011

L'unico e vero fannullone del belpaese

.
Lo schifo impera sovrano. Finte battaglia a difesa di mancanze che erano tutte sue. La feccia della politica italiana sputtanata con una facile inchiesta. Un delinquente puro, degno compare di Sua Emittenza. Ecco chi è Renato Brunetta. l'uomo (?) che ruba lo stipendio, gode dei privilegi (7 auto blu, una a completa disposizione solo della sua segretaria, non scordiamolo), insulta tutti tranne il suo padrone. L'uomo che baratta abusi edilizi in un comune con la poltrona in Parlamento al sindaco stesso, l'uomo che diventa professore universitario senza concorso alla faccia della meritocrazia da lui tanto sbandierata. Ce n'è per i porci (come lui, inteso). Un pezzente che solo uno come Berlusconi poteva inserire in un governo, e solo un popolo di deficienti poteva andare a votare questo indecente e sozzo personaggio macchietta, che nell'ultima puntata di Annozero ha insultato pubblico in studio e a casa, e offende i lavoratori precari. Lui che vuole i disoccupati a scaricare cassette al porto, non hai mai fatto niente di costruttivo in vita sua. Una piattola attaccata alle tette del potere.

Da: Gli scandali di 2 anni di governo Berlusconi (lunedì 29 novembre 2010)
Il ministro che doveva rivoluzionare la pubblica amministrazione si è fatto notare, ad oggi, più per le sue (presunte) frequentazioni che per i famigerati tornelli da mettere nei tribunali. Alla fine di settembre il nome del ministro della Funzione pubblica entra (mai indagato) nelle inchieste sul parco delle 5 terre che mettono nei guai il responsabile Franco Bonanini e il sindaco di Riomaggiore, Gianluca Pasini. Di lui e del suo rustico nelle 5 terre gli indagati parlano spesso nelle conversazioni intercettate. Passano due mesi e il nome di Brunetta balza di nuovo agli onori della cronaca, tirato in ballo da Perla Genovesi, ex assistente parlamentare, finita in carcere per spaccio. Genovesi racconta di avere presentato al ministro la sua amica, la escort Nadia Macrì. Macrì a sua volta conferma e racconta di rapporti sessuali con il ministro, per 300 euro a incontro più alcuni gioielli. In cambio la ragazza, separata dal compagno e in difficoltà con l’affidamento del figlio, avrebbe ottenuto l’intercessione con l’avvocato Taormina. Brunetta smentisce gli incontri sessuali, ma conferma di avere conosciuto la ragazza grazie all’interessamento della Genovesi e di averla segnalata a Taormina.

Vedi anche:
Soldi sporchi, escort, Brunetta, Bondi, Fazio e Moratti (sabato 13 novembre 2010)
Altri due limpidi esempi di Lega (Nord) e PDL Ladroni (mercoledì 29 settembre 2010)
Le auto blu e i veri fannulloni (sabato 17 luglio 2010)


L'inchiesta de l'Espresso


Contro il "Culturame", chiudere il rubinetto



La sinistra vada a morire ammazzata


I poliziotti sono panzoni


I precari sono la peggiore italia


Invenzioni giustificative


I giovani a scaricare cassette al mercato


Ne volete ancora?

.

Nessun commento:

Posta un commento