venerdì 8 luglio 2011

Berlusconi e Scilipoti. Due macchiette perfette. Cronistoria

.
Non ci dobbiamo MAI dimenticare chi è Scilipoti e cosa ha fatto assieme ai "responsabili". Le ultime news e una breve cronistoria del "Munnezza" (guardate questa foto: non stanno bene assieme? paiono fatti l'uno per l'altro).

Nessuna poltrona per Scilipoti, ma un teatrino ridicolo alla presentazione del suo "libro". Sua Emittenza come sappiamo non gli ha dato nessun incarico, preferendo premiare altri fra i "responsabili" e il gruppo misto, però la cambiale gliela doveva pagare (salvi versamenti segreti di cui ogni italiano con un minimo di cervello è sicuro dell'esistenza), e allora è accorso in suo aiuto... ma poi: chi se lo comprerà quel libraccio autobiografico?

Sentite un po' cosa dice il satrapo di Arcore su "Er munnezza" (così infatti Scilpoti è apostrofato all'ingresso del Parlamento dalla gente): "Simpatico, autoironico, un cane da polpacci. Uno che ha la fiducia di cambiare le cose attraverso il suo impegno, un uomo del fare, versatile in diversi campi. E' stato capace di sfidare e affrontare la gogna e il linciaggio mediatico. E' un eroe perché è stato capace di salvare il principio del bipolarismo, e solo grazie a lui si potranno fare le riforme tanto promesse, quella della giustizia, del fisco e dell'architettura istituzionale. Scilipoti ha fatto 140 interrogazioni parlamentari, 30 proposte di legge, 150 interventi, 220 conferenze in giro per l'Italia" (ovviamente contano i numeri ma non il contenuto di quanto si fa). "Scilipoti da medico ha fatto 22 mila visite nelle favelas brasiliane, ha scritto 12 libri, ha la cittadinanza carioca onoraria" (??? ma cosa ci andava a fare in Brasile...?).

"Er munnezza" ha ringraziato dicendo: "Berlusconi è una persona per bene e anche gli italiani che stanno dall'altra parte della barricata dovrebbero ringraziarlo. Con Berlusconi nel giro di 5-10 anni si può costruire una grande Italia, un faro per l'Europa, un Paese dove i figli degli americani verranno per vedere la democrazia, la libertà e la cultura".

Non so voi, ma io ho una nausea pazzesca.

Il "fenomeno" Scilipoti è oramai il simbolo dell'Italia peggiore, quella in svendita, quella che urla insulti (esattamente come fa Re Silvio), quella che cambia casacca tradendo il mandato elettorale, quella che va alle cenette tenute ad Arcore e ne esce con regalini, quella che vuole privilegi e auto blu, e si autoincensa. Io non faccio parte di questa Italia, io non sono in vendita, e soprattutto non servo Padroni danarosi e delinquenti. Io infatti non sono Scilipoti.

In questo blog ci siamo occupati a più riprese di questo simbolo del malcostume italiano, totalmente alieno alla Società Civile, ecco un elenco dei vari post, per chi si avesse perso qualche "perla".

FATE GIRARE

mercoledì 8 dicembre 2010 - Compravendita natalizia dei parlamentari: Razzi e Scilipoti? IDV in pericolo

lunedì 13 dicembre 2010 - Il destino del Paese in mano a mezzi uomini e danari sporchi

martedì 14 dicembre 2010 - La sconfitta di Fini, la salvezza di Berlusconi

giovedì 16 dicembre 2010 - Scilipoti news: perfetto per il PDL

lunedì 14 febbraio 2011 - Ogni mezzo uomo ha un prezzo, e ora si riscuote

giovedì 3 marzo 2011 - L'onerosa paghetta di Re Silvio ai mezzi uomini

sabato 5 marzo 2011 - Arrivano i dividendi per i mezzi uomini

sabato 19 marzo 2011 - La rivolta dei mezzi uomini

mercoledì 6 aprile 2011 - I "responsabili" e il fascismo

mercoledì 20 aprile 2011 - Le onerose cambiali di Silvio. I "responsabili" alla cassa

giovedì 5 maggio 2011 - L'osso per 9 sottosegretari. Scilipoti, a bocca asciutta, impazzisce

sabato 7 maggio 2011 - Il lento declino di un mezzo uomo: nuovo show di Scilipoti

sabato 4 giugno 2011 - I mezzi uomini iniziano a piagnucolare

Questa è solo una piccola cronistoria, affinché non dimentichiamo MAI chi è Scilipoti e chi sono i "responsabili", i quali senza il Porcellum saranno spazzati via, ma torneranno a casa con la pensione d'oro cui tanto anelano, vero pungolo al sostegno verso un governo indecente e delinquenziale.

.

Nessun commento:

Posta un commento