venerdì 21 ottobre 2011

Saverio Romano, Provenzano e la Mafia. Il documento integrale

.
Dell'Utri, Berlusconi, Saverio Romano... Buone letture.

Provenzano e il ministro
di Lirio Abbate
Un nuovo pentito accusa Saverio Romano: lo conosco bene, il padrino ci ha ordinato di farlo eleggere in Parlamento. E la procura di Palermo scrive: "Si è messo a disposizione per aiutare Cosa nostra. Intascando mezzo milione"

Bernardo Provenzano è uno che sulla politica ha sempre avuto la vista lunga, scegliendo i giovani su cui puntare, quelli destinati ad andare lontano. E la sua attenzione sarebbe stata catturata da un rampollo democristiano, un ragazzo sveglio che non disdegnava i contatti con gli amici degli amici. E' così che secondo i nuovi verbali raccolti dagli investigatori il padrino corleonese nel 2001 avrebbe investito sulla carriera di un parlamentare particolarmente promettente: Saverio Romano. Una nuova accusa contro l'onorevole che nello scorso dicembre ha lasciato l'Udc garantendo la sopravvivenza del governo di Silvio Berlusconi e ottenendo poi la poltrona di ministro dell'Agricoltura.

Pochi giorni fa, le prime intercettazioni trasmesse dalla procura di Palermo alla Camera hanno spinto Gianfranco Fini a chiederne le dimissioni, innescando uno scontro con il segretario del Pdl Angelino Alfano. Ma adesso "l'Espresso" è in grado di rivelare tutti gli elementi raccolti dagli investigatori nei confronti dell'esponente siciliano dei Responsabili. A partire dalle dichiarazioni inedite di un collaboratore di giustizia considerato di primo piano dagli inquirenti: Giacomo Greco.

Non è un mafioso qualsiasi, perché arriva da una famiglia che per decenni è stata al fianco di Provenzano. E conosce Romano da sempre perché sono cresciuti nello stesso paese, a Belmonte Mezzagno, piccolo centro a 24 chilometri da Palermo, con una forte presenza mafiosa. Nel 1997 i carabinieri li fermarono insieme durante un controllo di ruotine: con loro c'era un'altra persona, poi assassinata. Ma soprattutto il pentito è il genero del boss Ciccio Pastoia che per decenni curò gli interessi economici e la latitanza del vecchio padrino di Corleone. Nel 2004 Pastoia fu intercettato da una microspia mentre confidava i segreti del sistema di potere di Provenzano, svelando mandanti ed esecutori di diversi omicidi. Fu arrestato e in carcere si suicidò per avere disonorato la sua famiglia. Ma i mafiosi non giudicarono la sua morte sufficiente a lavare l'onta: bruciarono il loculo con la sua bara.

Oggi i verbali di Greco sull'appoggio di Provenzano per il futuro ministro sono importanti perché confermano il contesto delle altre accuse, quelle per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione "aggravata dall'avere avvantaggiato" Cosa nostra. Due procedimenti distinti, per i quali il parlamentare era già indagato prima della nomina a ministro. Le ipotesi di reato sono gravissime. Il parlamentare avrebbe incassato tangenti per circa 500 mila euro per favorire una società in cui avevano interessi Vito Ciancimino e Bernardo Provenzano. E per questo motivo gli inquirenti ritengono che Romano facesse parte di un "comitato d'affari" dove si "collegano le condotte di imprenditori spregiudicati, liberi professionisti a libro paga, amministratori corrotti, politici senza scrupoli votati ad una "raccolta del consenso" senza regole".

Ma la storia, stando al racconto di Giacomo Greco ai pm di Palermo, comincia con le elezioni del 2001, quando la famiglia dei Mandalà di Villabate, che gestiva la latitanza di Provenzano, e quella di Ciccio Pastoia "si interessarono per far votare Saverio Romano". Il pentito spiega che all'epoca venne a conoscenza di queste direttive dei boss "perché direttamente informato da Ciccio Pastoia e dai suoi figli". Mafia e politica si intrecciano ancora una volta: dieci anni fa, secondo Greco, c'era la "necessità" di portare Saverio Romano in Parlamento. Per farlo eleggere tutto il clan si sarebbe mobilitato. Evitando passi falsi: per non "bruciare" il candidato, Ciccio Pastoia evitò di farsi vedere in pubblico insieme a Romano, ma come rivela il pentito, i due si conoscevano bene e l'uomo di fiducia di Provenzano teneva i suoi rapporti con il futuro ministro attraverso Nicola Mandalà, il mafioso che per due volte accompagnò Provenzano in una clinica a Marsiglia.

"Sia Ciccio Pastoia che i suoi figli Giovanni e Pietro affermarono che su Romano c'era anche l'interesse dello "zio" e cioè di Bernardo Provenzano", spiega il collaboratore di giustizia. Ma nel 2003 le cose cambiano. I carabinieri del Ros cominciano a concentrarsi su Belmonte Mezzagno, piazzando microspie e telecamere nascoste: lo stesso Romano finisce sotto inchiesta assieme a Totò Cuffaro. E i boss sostengono di venire delusi da lui, perché non mantiene più le promesse. "Nel 2004 Ciccio Pastoia mi incaricò di organizzare ed eseguire un attentato incendiario in danno dell'abitazione del padre dell'onorevole Romano. Mi disse che Nicola Mandalà ce l'aveva con Romano perché non aveva mantenuto gli impegni precedentemente assunti". L'intimidazione non venne portata a termine perché il controspionaggio dei mafiosi, come spiega Greco, aveva individuato le indagini segrete del Ros: c'era il rischio di finire nel mirino delle telecamere piazzate nel paese.

Per il documento integrale CLICCA QUI (si può anche scaricare, tutto).

.

Nessun commento:

Posta un commento