domenica 26 febbraio 2012

Salvo in calcio d'angolo grazie a Cirielli-Ghedini-Longo

.
Ennesima vergogna, ennesimo scandalo perpetrato ai danni della Giustizia e dell'onestà. Eravamo pronti a questa fine, ma averla vissuta fa male, perché Berlusconi, sceso in campo per salvare le sue aziende e per evitare il carcere, ha goduto per l'ennesima volta dei frutti del lavoro dei suoi fidi bari. Quelli in questione oggi sono Edmondo Cirielli, l'uomo messo in Parlamento per far accorciare la prescrizione del reato di corruzione in atti giudiziari da 15 a 10 anni, approvata dal Parlamento a colpi di maggioranza nel 2005; e poi i solerti avvocati Ghedini e Longo, rispettivamente deputato e senatore del PDL, pronti a giocare sporco in udienza con richieste di rinvio e ricusazioni tutte perpetrate a danno della Giustizia a puro e semplice scopo dilatorio.

Cirielli, Ghedini e Longo son nel libro paga di Berlusconi, ma i soldi li mettiamo noi cittadini con le nostre tasse, pagandogli lo stipendio di parlamentari: che beffa, vero? Non dimentichiamoci anche che il lodo Alfano, con l'aver bloccato la posizione di Berlusconi per un po' di tempo in attesa della dichiarazione di incostituzionalità che giustamente venne dalla Suprema Corte, salvò già Berlusconi, la cui posizione nel processo che riguardò in un primo tempo il solo Mills fu stralciata e tenuta nel congelatore in attesa di altre porcherie normative e ostruzionismi in aula di tribunale. Tutti pezzi di un puzzle complesso ma smascherato da più parti, dove gli attori della recita sono marionette prive di buonsenso e dignità. Già: la dignità... cosa possono i soldi, vero?

I solerti servetti di Re Silvio lavorano bene, tranne quando non interviene la Corte Costituzionale: a volte con interventi che operano subito, a volte con leggine che faranno effetto dopo anni. Come il caso delle legge Cirielli...

Berlusconi poi ci tira un ceffone oltraggioso, proprio perché si lamenta di non aver ottenuto una assoluzione piena. Rinunci allora alla prescrizione! Ma il fatto che non vi rinunci, che bari coi suoi legali in udienza a puro scopo dilatorio e che usi la politica per cambiare leggi che lo riguardano, beh: tutto questo parla chiaro.

Minzolini si sta mangiando le mani, per lui sarebbe stato automatico mettere in moto la turbo-lingua e titolare in apertura del TG1: "Assoluzione per Silvio Berlusconi", ma per fortuna di Re Silvio ci sono in campo altri servi, subito lanciatisi a propinare la conseuta aletrazione della realtà ad uso e consumo del delinquente di Arcore: mi hanno fatto più schifo le parole di Feltri e Gasparri (vedete voi).

Nel Fatto Quotidiano di oggi, ma solo nel cartaceo (al momento) Marco Travaglio fa un excursus sulle vicende giudiziarie di Sua Emittenza, e mette i corretti puntini sulle I. Vale la pena dargli una lettura.

25 procedimenti aperti a suo carico (non 100), in 10 dei quali Berlusconi è risultato colpevole, ma l'ha fatta franca per prescrizione (6 volte), amnistia (2 volte) e depenalizzazione lampo del reato (altre 2 volte). Ripassiamo assieme.

5 procedimenti sono ancora in corso.
Mediaset (frode fiscale, falso in bilancio, appropriazione indebita). Accusa: fondi neri per centinaia di milioni con l'acquisto a prezzi gonfiati di film USA. Dibattimento in corso a Milano.
Mediatrade/2 (frode fiscale). Accusa: 10 milioni sottratti al fisco con l'acquisto di film USA. Udienza preliminare a Roma.
Ruby Gate (prostituzione minorile e concussione). Accusa: induzione alla prostituzione della minorenne marocchina Karima el Marough e telefonata in Questura per farla rilasciaredopo il fermo per furto. Dibattimento a Milano.
Nastro Fassino/Consorte (rivelazione di segreto d'ufficio). Accusa: aver ricevuto e girato al suo Giornale la bobina rubata di una bobina sul caso Unipol, non ancora trascritta e quindi segreta. Udienza preliminare a Milano.
Stragi di Mafia 1993 (concorso in strage). Accusa: complicità nelle bombe mafiose fatte esplodere a Roma, Firenze e Milano. Nuova indagine a Frenze con richiesta di archiviazione.

5 archiviazioni effettuate.
Caso Saccà (corruzione). Accusa: aiuti finanziari promessi al capo di Raifiction in cambio di scritture a cinque"attrici". Archiviato dal GIP di Roma.
Compravendita di senatori (istigazione alla corruzione). Accusa: favori e soldi promessi a senatori Unione in cambio del NO alla fiducia per Prodi; alcuni di questi senatori ora sono nel PDL. Archiviato dal GIP di Roma.
Voli di Stato (abuso d'ufficio e peculato). Accusa: trasportò amiche sull'aereo presidenziale da Roma a Olbia per festini a Villa Certosa. Archiviato dal Tribunale dei Ministri, controllato dal suo partito in quanto avente la maggioranza.
Caso Sanjust (abuso d'ufficio e maltrattamenti). Accusa: mobbing sull'ex marito di Virginia Sanjust, amante di Berlusconi, fatto trasferire dal SISDE. Archiviato dal Tribunale dei Ministri, controllato dal suo partito in quanto avente la maggioranza.
Agcom/Annozero (abuso d'ufficio). Accusa: pressioni sull'Agcom per far chiudere Annozero in RAI. Archiviato dal Tribunale dei Ministri, controllato dal suo partito in quanto avente la maggioranza.

5 assoluzioni ottenute.
Guardia di Finanza (corruzione). Accusa: quattro tangenti Fininvest a ufficiali della GDF per addomesticare verifiche fiscali. Condannato in 1° grado, prescritto in appello dopo ostruzionismo in udienza, assolto in Cassazione per insufficienza di prove (art. 530, comma 2, CPP).
Medusa (falso in bilancio). Accusa: 10 miliardi di lire in nero accantonati dall'acquisto di Medusa Cinema. Condannato in 1° grado, assolto in appello e Cassazione per insufficienza di prove (art. 530, comma 2, CPP).
Mediatrade/1 (frode fiscale e appropriazione indebita). Accusa: fondi neri dall'acquisto di film USA. Prosciolto in udienza preliminare a Milano. Ma c'è il ricorso della Procura in Cassazione.
SME-Ariosto/1 (corruzione). Accusa: aver corrotto magistrati romani per vincere la causa Sme contro De Benedetti; aver tenuto a libro paga il giudice Squillante (capitolo Ariosto). Assolto in 1° grado per insufficienza di prove su "Ariosto" e con formula ampia su "Sme"; per entrambi poi assoluzione piena in appello e Cassazione.
Telecinco (falso in bilancio e violazione antitrust). Accusa: aver controllato tramite prestanome il 100% del TV spagnola in barba al tetto antitrust del 30%. Assolto a Madrid per intervenuto cambiamento della normativa sulla legge antitrust spagnola.

2 amnistie hanno salvato in corner Berlusconi.
Bugie sulla P2 (falsa testimonianza). Accusa: aver mentito al Tribunale di Verona sulla sua iscrizione alla Loggia Massonica P2 di Licio Gelli. Reato accertato, ma amnistiato nel 1990.
Fondi neri Macherio (frode fiscale, appropriazione indebita, 4 falsi in bilancio). Accusa: 4,6 miliardi di lire pagati in nero per acquistare i terreni di Macherio. Prescritti 2 falsi in bilancio, amnistiato al volo il terzo, assolto sul quarto.

2 depenalizzazioni, con gran tempismo del Parlamento.
All Iberian/2 (falso in bilancio). Accusa: fondi neri sulla offshore per corruzioni e scalate illegali in Italia e all'estero. Assolto "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato", in quanto l'imputato Berlusconi ha depenalizzato il falso in bilancio nel 2001, guarda caso con effetto retroattivo.
SME-Ariosto/2 (falso in bilancio). Accusa: fondi neri esteri per corrompere giudici. Assolto "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato": stessa depenalizzazione volante e retroattiva.

Infine 6 prescrizioni.
All Iberian/1 (finanziamento illecito). Accusa: 23 miliardi di lire versati in nero a Bettino Craxi (quello che gli aveva salvato le TV con un decreto apposito). Condannato in 1° grado, prescritto in appello e Cassazione grazie alle attenuanti generiche prevalenti (in quanto incensurato) che grazie a un sua legge che dimezza la prescrizione.
Mondadori (corruzione in atti giudiziari). Accusa: tangente al giudice Metta perché annullasse il lodo Mondadori e consegnasse il gruppo di De Benedetti a Berlusconi. Prosciolto per prescrizione, sempre per le attenuanti generiche che la dimezzano introdotte grazie a una sua legge ad personam.
Lentini/Milan (falso in bilancio). Accusa: 10 miliardi di lire in nero versati al presidente del Torino, Borsano, in cambio della cessione del calciatore Lentini. Prescrizione grazie alla legge ad personam sul falso in bilancio che accorcia la prescrizione e grazie alle attenuanti (sempre ex legge ad personam) che la riducono ancora.
Bilanci Fininvest 1988-92 (falso in bilancio). Accusa: fondi neri sottratti ai bilanci del gruppo. Prescrizione grazie alla legge ad personam sul falso in bilancio che accorcia la prescrizione e alle attenuanti che la accorciano ancora (vedi sopra).
Consolidato Fininvest (falso in bilancio). Accusa: fondi neri per 1500 milardi di lire su 64 società offshore del "comparto B" della Fininvest. Prescrizione grazie alla legge ad personam sul falso in bilancio che abbrevia i termini di prescrizione e alle consuete attenutanti generiche che li accorciano ancora (vedi ancora sopra).
Mills (corruzione in atti giudiziari). Accusa: aver corrotto l'avvocato inglese David Mills con 600.000$ in cambio di due false testimonianze nei processi GDF e All Iberian. Prescrizione in 1° grado, scattata dopo 10 anni anziché 15 grazie alle legge Cirielli, varata nel 2005 dallo stesso governo Berlusconi.

Tutto chiaro? Ma quanto si sbattono i fedeli colletti bianchi e parlamentari di Sua Emittenza! Ostruzionismo in udienza, leggi ad personam, spesso incostituzionali. O si cancella direttamente il Diritto. Tutte porcherie che hanno una sola spiegazione, quella che abbiamo capito da vent'anni circa.

Per chi volesse ripassare le leggi ad personam, ecco QUI:

37 porcate ad personam. 16 anni di storia d'Italia
Un ripasso va sempre fatto, il più frequentemente possibile: "scendo in campo".


.

Nessun commento:

Posta un commento