martedì 15 maggio 2012

Berlusconi, la Mafia e Grasso. Ripasso su qualcosa di losco

.

Sempre meno informati e sempre più fessi, così ci vogliono i delinquenti che tramano per impedire alla Giustizia di lavorare tanto e bene. Il governo Berlusconi ha approvato tante norme salva-Mafia, e ha rimosso tanti magistrati che lavoravano contro la Mafia; visto che non è - almeno per il momento - tempo di stragi e uccisioni altisonanti, sono le istituzioni - quando insozzate da delinquenti - a operare per la Mafia, la Camorra e la 'Ndrangheta. Oggi sul Fatto Quotidiano Marco Travaglio ci rinfresca la memoria sulle porcherie normative con cui Sua Emittenza/Delinquenza tagliò le gambe a Caselli e fece entrare strisciando Grasso, l'azzoppa-indagini tanto caro a Cosa Nostra e ai parlamentari che con essa fanno affari. Buona lettura.

 


"TU DAI UNA POLTRONA A ME" 

di Marco Travaglio

La proposta di Piero Grasso, procuratore nazionale antimafia, di premiare Berlusconi “per la lotta alla mafia” ha scatenato le più svariate illazioni su un suo prossimo ingresso in politica: chi dice come aspirante presidente della Regione Sicilia al posto di Raffaele Lombardo, inquisito per mafia; chi come candidato del “partito dei tecnici” di Passera, Montezemolo e Casini. 

Voci alimentate anche dalla sua rinuncia alla Procura di Roma, da un accenno di Gasparri alla sua “prossima campagna elettorale” e da una frase dello stesso Grasso su La Stampa di ieri (“anch’io ho il mio progetto, nel 2013 scade il mio incarico”). Ma, al momento, sono solo processi alle intenzioni. 

Ciò che stupisce è che, per spiegare la sorprendente uscita di Grasso pro B. (sorprendente persino per B.), ci si concentri sul suo eventuale futuro anziché sul suo sicuro passato. Nel 2005 Grasso diventa superprocuratore nel concorso più controverso della storia giudiziaria italiana: quello bandito dal Csm nell’ottobre 2004 per sostituire Piero Luigi Vigna, che scade nel gennaio 2005. Candidati favoriti: Caselli, più anziano, e Grasso

Il 1° dicembre la Banda B. approva il nuovo ordinamento giudiziario Castelli, con due strani codicilli: uno proroga Vigna “sino al compimento dei 72 anni di età” (cioè fino al 1° agosto 2005); l’altro taglia fuori dagli incarichi direttivi i magistrati con più di 66 anni. 

Che senso hanno? La risposta è nella carta d’identità di Caselli, che compirà 66 anni il 9 maggio 2005. Se Vigna lascia alla scadenza naturale, Caselli non ha ancora 66 anni. Se Vigna viene prorogato, Caselli è fuori gioco e l’altro pretendente, Grasso, ha partita vinta. Insomma i giochi per Grasso sembrano fatti. Ma il 16 dicembre Ciampi respinge la Castelli perché incostituzionale

Caselli rientra in partita. Ma la prospettiva che torni a occuparsi di mafia turba i sonni dei berluscones, noti partigiani antimafia. Così il 30 dicembre, mentre gli italiani preparano il cenone di Capodanno, il governo infila nel decreto Milleproroghe tre righe che prorogano Vigna, affogate in una giungla di norme sulla Croce Rossa, l’autotrasporto merci e gli spettacoli circensi. Seconda norma ad personam, anzi contro Caselli. 

Mille magistrati si appellano a Vigna perché si dimetta subito, impedendo al governo di interferire in una nomina che spetta solo al Csm. Ma Vigna non ci sente. Alla Camera però, in sede di conversione del decreto, le assenze nel centrodestra regalano all’opposizione un’occasione d’oro per approvare un emendamento Ds che spazza via la norma-vergogna. Ma Rifondazione si astiene e l’emendamento viene respinto: il solito soccorso rosso ai berluscones. 

Però per eliminare Caselli occorre approvare la Castelli-bis che impone il limite di età a 66 anni: una legge delega che va a rilento ed entrerà in vigore solo con i decreti attuativi. Intanto il Csm potrebbe nominare Caselli con le vecchie regole. Ma ecco pronto un emendamento di Luigi Bobbio, magistrato eletto in An, che prevede l’immediata entrata in vigore dei nuovi limiti di età. “Certo – confessa spudorato Bobbio – l’emendamento serve a escludere Caselli: non merita la Superprocura”. È la terza norma anti-Caselli, ma soprattutto pro-Grasso. Viene approvata a fine luglio e firmata da Ciampi: Caselli è definitivamente fuori gioco. 

Il Csm denuncia l’incostituzionalità della norma, ma non può che ratificare la nomina del candidato superstite: Grasso, primo procuratore della storia repubblicana nominato da un governo (e che governo). Lui però non ci pensa neppure a ritirarsi dal concorso truccato. Nel 2007 la Consulta dichiarerà incostituzionale la norma anti-Caselli. Tra i primi a felicitarsene – con appena due anni di ritardo – sarà proprio Grasso: “Sono contento, è una legge che non ho condiviso”. L’ha semplicemente usata. 

All’epoca qualche ingenuo si domandò perché mai B. preferisse Grasso a Caselli? La risposta, forse, è appena arrivata.

.

Nessun commento:

Posta un commento