mercoledì 27 marzo 2013

Chi getta fango sulla divisa che indossa. La vergogna COISP a Ferrara


Incredibile. L'Italia dovrebbe essere un paese civile, eppure alcuni (non tutti, sia chiaro), alcuni appartenenti alle forze di Polizia mostrano il loro disprezzo verso la Giustizia, ch'essi per lavoro sono chiamati ad aiutare. Ricordo ai solerti del COISP che sono stati protagonisti a Ferrara di quanto riportato nell'articolo che segue che: una sentenza passata in giudicato è il 100%, è tutto, e quei poliziotti furono assassini di Federico Aldrovandi. Come gettarono fango loro (assassini) sulla divisa, oggi gettano fango sulla stessa divisa questi manifestanti. E' una vergogna inaudita, che fa rabbrividire e riflettere su come a volte alcuni (e ripeto: non tutti, per fortuna) appartenenti alla forza pubblica si sentano al di sopra di quella legge ch'essi per lavoro devono far rispettare e invece in prima persona mostrano di disprezzare. Avete gettato anche voi fango sulla vostra divisa. Vergognatevi!!!



Aldrovandi, sit-in della polizia sotto l’ufficio della madre. Lei: “Non ho parole”

 

Gli agenti del Coisp a Ferrara per il congresso regionale sostano provocatoriamente sotto la finestra dove lavora Patrizia Moretti: "La legge non è uguale per tutti". Il sindaco Tagliani prova a farli spostare e viene allontanato. Poi la donna scende e mostra la foto del figlio morto


di

“Speravo di non dover mai più  essere costretta a mostrare ancora in pubblico quella foto”. L’ultima volta che Patrizia Moretti espose in strada l’immagine del figlio Federico Aldrovandi fu in occasione della manifestazione nazionale per chiedere verità e giustizia su quanto avvenuto in via Ippodromo a Ferrara la notte del 25 settembre 2005. Era il 23 settembre 2006 e ancora la morte del diciottenne non aveva un colpevole. Da allora ci sono stati tre processi con altrettante condanne, ora definitive: 3 anni e 6 mesi per omicidio colpo.

Ora la madre torna a mostrare quella foto. E lo fa in occasione del sit-in organizzato dal Coisp, sindacato indipendente di polizia, voluto per manifestare solidarietà ai quattro poliziotti condannati nel giorno del congresso regionale del sindacato, voluto non a caso a Ferrara. “La legge non è uguale per tutti. I poliziotti in carcere, i criminali a casa. Solidarietà, amicizia, speranza, affetto per Luca, Paolo, Monica, Enzo”. Così recitava lo striscione alzato in piazza Savonarola, sotto le finestre del municipio, dove la madre lavora come dipendente comunale. Una coincidenza che poteva dar adito a provocazioni e strumentalizzazioni.



Per questo lo stesso sindaco Tiziano Tagliani è sceso in strada per incontrare i manifestanti e chiedere di spostare il sit-in di qualche decina di metri. “Vorrei solo evitare delle letture strumentali”, ha detto il primo cittadino al segretario generale Franco Maccanti, che per tutta risposta gli ha detto di non aver “mai visto in tutta Italia un sindaco comportarsi come lei. Non avrebbe fatto questa discesa con nessuno. L’ha fatto con noi perché noi siamo corretti”. A gettare benzina sul fuoco si è aggiunto l’europarlamentare ex Pdl e poi Fli Salato (famoso per aver chiesto aerei diretti tra Strasburgo e le capitali europee: “a volte siamo costretti a cambiare tre aerei”):  “Lei è il sindaco? Bene, se ne può andare”. Il clima si accende e Tagliani: “mi mandano via nella mia città, quando ho solo chiesto di spostarsi di qualche metro. Sono anni che cerco di riappacificare il clima tra le gente e le forze dell’ordine. Prima c’era il sospetto, ora c’è la certezza che si trattava di una strumentalizzazione”.



A quel punto, andato via sdegnato Tagliani, è arrivata la Moretti, che ha srotolato la foto del figlio davanti ai manifestanti. Con quell’immagine è rimasta qualche istante di fronte alle bandiere del Coisp. Davanti all’esposizione dell’immagine del diciottenne privo di vita i manifestanti hanno voltato le spalle. Poi, dopo qualche minuto, se ne sono andati verso il Circolo dei Negozianti, per partecipare al dibattito “Poliziotti in carcere, criminali fuori, la legge è uguale per tutti?”. E nel corso del dibattito Maccanti non ha perso l’occasione per chiarire i pensieri del Coisp di fronte a una “stampa vigliacca e penosa che ha pubblicato cose ignobili, compreso il non voler prendere atto che la foto di stamattina non è stata ammessa in tribunale perché non veritiera”. A onor di cronaca proprio riferendosi a quella foto il pm Nicola Proto, in sede di requisitoria,  chiese la condanna degli agenti: “le foto di Federico parlano al posto suo, lui non può più”.

_____  _____  _____  _____  _____

VERGOGNA! 
RISPETTATE LA LEGGE E LA GIUSTIZIA! 
RISPETTATE LE SENTENZE PASSATE IN GIUDICATO! 
NESSUNO E' AL DI SOPRA DELLA LEGGE!!!  
VERGOGNA!

Nessun commento:

Posta un commento