lunedì 11 marzo 2013

La pietosa marcia del PDL contro la Giustizia. Ecco il grande pericolo, ecco i nemici dell'Italia


Uno schifo senza fine, tante facce che si mettono in gioco e vanno a manifestare per... la pace? contro la violenza sulle donne? contro gli sprechi della politica? Assolutamente NO. Il PDL oggi ha marciato contro la Giustizia, e si è ancora una volta schierato contro il rispetto delle regole, del Diritto, contro l'operato di chi, giorno dopo giorno, fra mille umiliazioni e assalti mediatici violentissimi, lavora affinché la legge sia davvero uguale per tutti e venga rispettata da tutti.

L'Italia non è un paese civile, se capitano schifose e patetiche manifestazioni di questo tipo. Ma la cosa fa anche ridere: le poche volte che qualcuno ha provato a fare una manifestazione così, pro-berlusconi (il minuscolo è d'obbligo), davanti al Tribunale di Milano, c'erano si è no poche decine di persone. Ora per fare "massa" si muovono i politici, parlamentari o meno, del partito: solo così possono raggiungere il numero necessario a sembrare tanti. Ma tanti non sono: di cittadini ce n'è davvero pochi, qui. Ci sono prevalentemente coloro che ringraziano le elezioni avvenute col Porcellum di turno, e vanno a guadagnarsi la pagnotta di fronte al Padrone, gettando la coscienza nel cesso e tirando la catena.

Il senso civico di questa gente è chilometri sotto lo zero. Questa è una delle rarissime occasioni in cui rimpiango di non vivere a Milano, perché se così fosse stato stamane sarei volato di corsa là, a riempirli degli insulti che essi/esse meritano, per come appiccano incendi e vi gettano sopra benzina, per come mostrano di non rispettare l'ordinamento giuridico, la Giustizia in generale (e in particolare, nel caso del loro Padrone).

Guardatele bene queste facce, guiardate come sorridono attorno al maggiordomo in pectore Alfano: hanno un osso da guadagnare o meglio da giustificare di aver guadagnato. Ecco il più totale sfacelo, il lato nero e oscuro della politica italiana, ecco il vero pericolo per la nostra Italia. E ancora una volta e con maggiore forza mando le mie più sentite maledizioni a quanti danno il loro voto a questa gente... ecco a cosa serve il vostro voto, imbecilli.

Mi fate schifo. E mi fanno schifo queste persone gioiose, che se ne fottono dei problemi del paese e pensano solo a far evitare la galera al Padrone. Avete sentito discorsi "politici" da parte di questa accozzaglia di politicanti in questi giorni? Qualcuno di loro ha parlato di presentare disegni di legge alla prossima riunione in Parlamento a favore della rinascita del paese?

Io no. Questa gente sta rubando lo stipendio che noi paghiamo con le nostre tasse. Questa gente è il primo e più grande nemico della nostra Italia, il pericolo numero uno per tutti noi. Non perdiamo di vista il rischio che corriamo, e prepariamo una Legge sul Conflitto di Interessi che spazzi via il delinquente di Stato da Montecitorio.

Ricordate che abbiamo un nemico: questi/e qua. Tutto il resto passa quasi in secondo piano.






Nessun commento:

Posta un commento