domenica 29 settembre 2013

Delinquenza politica (Berlusconi) e nuova occasione che andrà sprecata (M5S)


Per i vari adepti delle sette che infestano la politica, e che nei social network usano frasi fatte ed elenchi di cose della KASTHA11!11 per spostare il discorso altrove, preciso che non sono un elettore del PD, del PDL, del M5S. Ho votato Rivoluzione Civile alle scorse elezioni, e per anni ho dato il voto all'IDV, e cioé l'unico partito che ha davvero attuato una lotta senza quartiere alle nefandezze italiane, e che è stato fatto fuori da una marchetta mediatica cui hanno abboccato troppe persone che ritenevo intelligenti.

Per un ripasso sulla questione Report (Giannini) - Di Pietro, leggete QUI e QUI.

Ho dovuto fare la precisazione, in apertura del post, perché ormai fra commenti a questo blog e discussioni sui social network troppo facilmente sono stato etichettato come uno che portava acqua a qualche mulino (a volte il PD, a volte addirittura il PDL, certe volte - wow - il M5S). Niente di più sbagliato quindi. Se si vuole avere pieno diritto di cittadinanza a questo mondo, occorre togliersi i paraocchi e cercare di vedere le cose per quello che sono, senza usare le frasi fatte dei vari padroni di turno. Bisogna sapere criticare anche il destinatario del proprio voto. Io l'ho sempre fatto, e tante volte proprio con l'IDV (anche a livello locale) che ho votato a lungo.

Passiamo alla questione di cui voglio dissertare. Iniziamo da Berlusconi. Ha avuto la sua condanna passata in giudicato - quindi è un delinquente pregiudicato al 100% - e ora sta sciorinando la balla che il governo cade per la questione IMU-IVA.

IMU-IVA che? Sull'IMU-IVA Enrico Letta ha calato i pantaloni, come li ha calati per tante altre cose che questo governo orrorifico poteva fare e non ha fatto. La vera questione è che Berlusconi vuole che venga detronizzata la sentenza di condanna: quindi vuole la decadenza della Costituzione e dello Stato di Diritto. E questa, diciamolo a chiare lettere, è EVERSIONE dell'ordinamento giuridico e costituzionale italiano. Il fatto stesso che Epifani e Napolitano finalmente stiano puntando i piedi parla chiaro. E lo stesso Letta junior pare si sia stufato oramai, nonostante zio Gianni.

La questione dimissioni-PDL è l'ennesima dimostrazione che Berlusconi fa politica solo per se stesso e non per il paese, e neppure gli stravolgimenti di un Sallusti o di una Santanché (per fare due nomi fra i tanti) possono cambiare la realtà delle cose. E il testo con cui Berlusconi chiede l'epurazione di quanti nella giunta del Senato voteranno contro di lui per l'agibilità è l'ennesima revolverata in faccia alla Legge.

Il PDL ha ricattato il governo attuale e l'Italia in un modo quasi nazista, in misura molto maggiore e pesante rispetto al passato. E' il momento di andare avanti. E questo attuale governo del dolce far niente è una pagliacciata.

Andare avanti. E qui si passa al M5S. Abbiamo visto in passato che il M5S ha avuto già una grande occasione per lavorare per il paese, anzi due. La prima è stata quando Bersani ha fatto quella consultazione con Creamy e Lombardi e ha incassato prese in giro ("non siamo a Ballarò") e un NO secco. Il NO ci poteva anche stare, ed era in linea coi diktat del Quartier Generale (tutti sono stati bravi a dirci che il PD voleva solo i voti del M5S e basta), ma la questione poteva cambiare proprio grazie al M5S. Mi spiego.

Già, in quanti fra gli appartenenti alla setta a 5 stelle hanno riflettuto sul fatto che se fosse stato dato un SI alla richiesta dell'ameba Bersani il M5S avrebbe potuto tenere per le palle il PD e portarlo a ragionare in ottica anzitutto antiberlusconiana e poi in secondo luogo in ottica filo-Italia (economia, lavoro ecc.)? 

Quasi nessuno. E perché? E' arrivata la nube che ha appannato gli occhi, nella unica parola: "inciucio". E ci sono cascati. Inciucio è accordo di spartizione delle poltrone, non accordo di governo (tenendolo per le palle). A proposito: poltrone... il M5S ne ha avute (quando prima non ne voleva, così giurava Grillo). E non alludo a quelle dei parlamentari. Un solo esempio: vicepresidenza alla Camera (Luigi Di Maio, ma se vi guardate i siti di Camera e Senato ne leggerete altri). E Grillo ha sparato anche alto per cercare di farsi dare il Copasir (per dirne una), alla faccia del: "niente inciuci, non vogliamo poltrone". Santa coerenza... ma i pentastellati hanno memoria buona contro la KASTHA e memoria pessima per i panni in casa.

La seconda occasione l'ha stigmatizzata Travaglio: caduto nel vuoto il tentativo di Bersani, il M5S poteva presentare la sua proposta di governo. E non lo ha fatto. 

Leggete qui: AUTOSCACCO A 5 STELLE.

Eppure... niente. A dire il vero qualcuno nel M5S ci aveva provato. Mimmo Pisano aveva portato a Casaleggio una proposta di governo, e Casaleggio gli ha sbattuto la porta in faccia. Meglio il CAOS di Gaia, vero Gianroberto?

Per rivederla, coi link di riferimento relativi: CLICCATE QUI.

La terza occasione (anch'essa facile da cogliere) è adesso. Da quando i partiti hanno abdicato, Napolitano ha cercato - con risultati pessimi - di salvare il paese. Ora il M5S può andare vittorioso da Bersani/Epifani e dire loro: sediamoci a un tavolo, facciamo un brevissimo governo per scrivere la Legge Elettorale e firmare la Legge di Stabilità (cioé la Finanziaria). Già: la Finanziaria va presentata al Parlamento entro il 15 ottobre e va approvata entro il 31 dicembre. Il governo Letta non ha ancora fatto niente, ed è gravissimo. E allora, visto che nel programma del M5S c'è tanta "bbella robba", che problema ci può essere a creare un progetto di Finanziaria? (usiamo il vecchio termine, viene più facile). Il M5S è il gruppo politico con più laureati: li fate lavorare davvero Grillo/Casaleggio, oppure volete il caos di Gaia?

Io credo che saremo delusi nuovamente. Grillo stesso, che in passato ha urlato la cancellazione del Porcellum ai quattro venti, vuole andare alle elezioni col Porcellum. E il motivo è chiaro: la gente aveva votato il M5S non per i candidati (praticamente sconosciuti) ma perché c'era lui sopra. Il suo blog macina accessi (e tanti soldi), la gente si fida di lui, legge i suoi blog, guarda La Cosa. Perché cambiare allora il Porcellum? Ma Grillo si fida delle persone che ha mandato in Parlamento? Seconda cosa: la Legge di Stabilità. Ne ha mai parlato Grillo? No. Ne hanno mai parlato i suoi "cittadini"? No. La vogliono? O meglio: la sanno preparare?  Non avremo neanche questa, allora.

L'ho sempre pensato e ne ho la conferma: il M5S va bene come partito di opposizione, ma per governare non ci siamo, ragazzi. Non lo vuole Casaleggio, non lo vuole Grillo, e pare che nessuno dei suoi "cittadini" ne abbia le capacità.

Grillo vuole il Porcellum, vuole il 51% in Parlamento, per poi legiferare a colpi di Fiducia, scommettiamo? Punto. E' tanto diverso da certi politici che azzanna alla carotide durante i suoi comizi?

In mezzo (fra PD, M5S e PDL - gli altri partiti contano nulla oggi) ci siamo noi italiani: e siamo messi malissimo. Chissà se se ne sono accorti, questi "crani".

7 commenti:

  1. Gran bel post e drammaticamente vero. Tra l'altro ti capisco bene quando dici che vieni tacciato di essere di questo o quell'altro partito perché critichi qualcuno. Per certa gente pensare con la propria testa è reato.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente. Hai visto sotto? Come volevasi dimostrare. Loro hanno la verità in tasca. Loro sono i maestri. Loro ragionano.
      Un caro saluto E bel nick: anche io sono una fan di Star Wars ;)

      Elimina
  2. Nessuna occasione persa per il Movimento.
    Con la casta non si discute.
    Vi sbatteremo le porte in faccia.
    Quando vincieremo le prossime elezioni si farà pulizia di gente così, che sparla avvanvera e che serve il partito per mettere in cattiva lucie il Movimento.
    Devi guardare La Cosa, accendi il cervello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Replico subito: ho pubblicato il suo commento perché si possano leggere i suoi errori di ortografia anzitutto.
      La Cosa... ho cliccato qualche volta, c'erano in onda comizi di Grillo, senza contraddittorio, e fior di banner pubblicitari che vendevano dvd e libri sempre di Grillo... si commenta da solo.
      Sbattere le porte in faccia? Pulizia? Ma che siamo: al Ventennio?
      Abbiamo avuto il 1924, il 1994, ora volete anche il 2014?
      Accenda il cervello, spenga La Cosa, e legga di tutto un po', invece di farsi le idee sbirciando i titoli in uno o due siti (o giornali).
      Grazie.

      Elimina
  3. Non hai capito una cosa: il Movimento non fa affari con nessuno.
    Fuori i partiti e dentro i Cittadini.
    La cambieremo noi l'Italia, e diventerà un posto migliore.
    Tu prendi in giro il 51%, ma dopo che i partiti hanno fatto le leggi strabusando della fiducia, chi di fiducia ferisce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Affari".... quindi le discussioni in aula al Parlamento sono per forza losche?
      Quindi sedersi ad un tavolo per fare almeno un paio di cose (legge elettorale e legge di stabilità) è ... com'è che dire. . . "inciucio"?
      Spero che anche grazie al M5S l'Italia diventi un posto migliore, ma se ragionano come te, allora ciao.
      E per tua informazione non tutti hanno stra-abusato dello strumento della Fiducia.
      Se hai buona memoria, ricorda che il primo governo Prodi ha lavorato molto IN Parlamento, usando la Fiducia quasi mai, e i governi che hanno ricostruito il paese nel secondo dopoguerra non hanno quasi mai usato la Fiducia.
      Un minimo di memoria storica no, eh?
      Ah, già: i siti del Min.Cul.Pop mica le raccontano queste cose.... in testa agli utenti (e acquirenti) devono entrare e mettere radici in testa concetti semplici, come: sono tutti uguali, sono tutti ladri, sono tutti faziosi ecc.
      Ok ok... complimenti.
      Mi pare chiaro: siccome sono stati tutti (ma dove?) cattivi, allora avete la scusa di lavorare solo con la Fiducia, giusto?
      E vorreste essere migliori di quelli che azzannate?
      La "democrazia diretta" de sto.....

      Elimina