sabato 16 novembre 2013

La scissione del Pdl: una scaltra manovra?


Io non so amici... ma mi frulla un'idea per la testa. Da quando il delinquente di Stato è stato condannato in via definitiva e altri processi sono finalmente sorti a grappoli, molti elettori del Pdl hanno iniziato a riflettere sulla cosa e in tanti hanno storto il naso; e in più questo continuo tirare la corda al governo da parte di Berlusconi a molti non piace: governo sostenuto, governo ricattato e fatto cadere... tutto ciò comporta instabilità e rischi per l'Italia.

Alfano e altri con lui stanno dicendo che si staccano da Berlusconi per assicurare stabilità e sostegno al governo, ok. Ma io sto iniziando a pensare invece che la manovra sia stata scaltra: i voti di coloro che si sentono delusi da Berlusconi restano "a destra" e non scappano coi Cinquestelle o con Renzi. Tanto alle prossime elezioni Alfano e Berlusconi faranno comunella, e il gioco è fatto.

Sarà una fantasia la mia o invece no? Fate voi...

Nessun commento:

Posta un commento