domenica 15 dicembre 2013

Restitution Day e quei 42 milioni che manco c'erano


Ricordate la festa del Restitution Day?

Una grande festa con un mega assegno con cui circa 1 milione (Camera) e mezzo milione (Senato) di soldi pubblici "spettanti al M5S" per i primi due mesi e mezzo di lavoro venivano dallo stesso restituiti all'Italia in pompa manga oooops, scusate: magna. "Il Movimento ha già rinunciato a 42 milioni di euro!", aggiungeva Riccardo Nuti (quello che ha pubblicato l'indirizzo di casa del collega Faraone su Facebook).

Ecco: focalizziamo l'attenzione sui rimborsi elettorali.

SEL ha voluto vederci chiaro. Ecco la sua interrogazione del 14 ottobre:

"Chiede di sapere se Grillo e il Movimento 5 stelle ha restituito 42 milioni di euro di rimborsi elettorali, se gli stessi abbiano mai rispettato la legge che predispone il diritto ai rimborsi ai sensi della legge n. 96 del 2012 al fine poi di poter incassare ed eventualmente restituire la somma percepita, posto che la legge obbliga le forze politiche a depositare alle camere la dichiarazione dei redditi del tesoriere (in questo caso Grillo), il bilancio del M5s e in allegato lo statuto che contenga le caratteristiche conformi ai principi democratici nella vita interna, con particolare riguardo al rispetto delle minoranze e ai diritti degli iscritti. Ai sensi della legge tutto quanto va presentato entro 45 giorni dalla data dello svolgimento delle elezioni, pena la perdita del diritto".

Il Presidente del Senato il 18 ottobre rispondendo a questa interrogazione di SEL sulla trasparenza dei conti del M5S, evidenzia al di là di ogni dubbio mettendo nero su bianco la questione dei rimborsi elettorali. Per "restituire" dei soldi, bisogna averli prima presi e il partito di Casaleggio NON ne ha mai avuto diritto. Per averne diritto avrebbe dovuto presentare un regolare statuto, cosa che NON ha mai fatto, pur avendocelo. Le ragioni di questa mancanza possono essere diverse, una su tutte è la palese contraddizione dello Statuto originale con la loro politica, tant'è che nel documento originale si parla chiaramente di "assenza di vincolo di mandato".


Come puoi rinunciare a una cosa che non hai manco il diritto di percepire?
 
Qualche riferimento
Anche qui.

Se una cosa del genere l'avesse fatta il PDpiùElleoMenoElleEcceteraNonSo, Messora avrebbe fatto un video con colonna sonora cavernosa e invocando complotti ai danni del paese, Grillo avrebbe scritto un post nel blog urlando improperi agli zombies che imbrogliano l'elettorato, tanta gente avrebbe reagito in rete con la consueta mitragliata di insulti e il Fatto Quotidiano avrebbe titolato in prima pagina urlando allo scandalo.

E invece? Silenzio.

Fate voi.

2 commenti:

  1. Io sapevo che i 42 MILIONI erano stati restituiti, lo aveva scritto il sito della Mosca Tzetzé, uno dei pochi siti che fanno davvero informazione. Secondo me ne stai sparando grosse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora vediamo il link della Mosca Tzé Tzé, che fra l'altro è un sito della società di Casaleggio, quindi tira acqua al proprio mulino. Creda a quello che vuole, io credo alla Realtà, almeno a quella che posso verificare, e le assicuro che la sta "sparando" lei.

      Elimina