giovedì 23 gennaio 2014

La nuova legge elettorale Renzi-Verdini? Incostituzionale


Renzi ha nuovamente gettato la maschera, e l'ha fatto non solo perché ha attuato una schifosa riabilitazione di Berlusconi (l'ennesima di un centro sinistra che da quando è nato, Prodi e Di Pietro a parte, ha fatto solo questo), ma anche perché ha preso a sputi le motivazioni della Sentenza della Corte Costituzionale riguardanti la tardiva cancellazione del Porcellum.

Porcellum... (RILEGGETEVELO) la legge del maxi premio di maggioranza, la legge delle liste bloccate (non scegli l'uomo, ma fai la X sul partito), la legge della soglia minima di ingresso alle camere, che ammazza i piccoli partiti, i quali sono generalmente quelli che rappresentano le minoranze e quelli che sono stati eliminati dalle coalizioni perché lavoravano secondo coscienza (vedi IDV e Di Pietro).

Italicum... la legge che ripropone in salsa solo apparentemente diversa le stesse esatte cose!

Le liste nella nuova porcata Renzi-Verdini (Berlusconi infatti  non è capace, ma c'è il fido sgherro pluri inquisito come il padrone a fare il lavoro) sono bloccate, esattamente come prima: piccola differenza... non c'è un elencone di nomi, ma si potranno vedere dai 4 ai 6 candidati per partito. Non cambia niente per gli elettori: non voti la persona, ma il partito, e anche se il partito fa le primarie (che non sono rese obbligatorie dalla legge, quindi può non farle chiunque) la sostanza non cambia granché: il Diritto di Voto è ancora MORTO.

La soglia di ingresso alla Camera: c'è ancora, e addio ai piccoli partiti, addio quindi alla vera democrazia rappresentativa di tutti (attuabile solo col Proporzionale puro, che piace a pochi, ma è quello che è rimasto in piedi dopo la Setenza della Corte). Se una coalizione prende meno del 12% (cifra altissima) è fuori e i partiti che ne fanno parte sono fuori se non superano il 5%. Se corri da solo devi superare l'8% altrimenti vai a casa, altro scandalo. 

E poi il premio di maggioranza, che va a chi è primo e supera il 35% dei voti: soglia che se le campagne elettorali andranno bene, potranno portare a una facile vittoria i tre principali schieramenti in lizza. Altrimenti si torna a votare per stabilire quale dei primi due schieramenti vince.

Questa legge è fatta apposta per mettere davanti a un bivio i piccoli partiti: o entrate in coalizione o siete fuori. La pluralità delle opinioni, delle rappresentanze è presa a ceffoni. Se non ti allinei sei quasi di sicuro fuori.

E questa sarebbe democrazia?

Qui ci sono gli stessi profili di illegittimità costituzionale del Porcellum, con piccole correzioni che sono una farsa.

Se volete leggere, fate qui:



Ancora una volta Renzi ha mostrato, stavolta più chiaramente, di non essere "di sinistra". E' davvero un ducetto, e la vicenda Cuperlo urla ancora. Cuperlo, Civati: fagocitati dal meccanismo spietato del finto sorriso renziano.

L'Italia è sempre più in pessime mani. E ringrazio ancora Grillo, Casaleggio e i deputati e senatori pentastellati ben allineati al Quartier Generale: se si fossero seduti loro al tavolo con Renzi... chissà... forse qualcosa di buono sarebbe venuto. O forse no.

Nessun commento:

Posta un commento